PONTECURONE. BILANCIO: MANCANO 409 MILA € PER MOROSITÀ NELLE IMPOSTE 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   12/04/2017 00:00:14 

 

 

Approvato dal consiglio comunale. Approvati, con modifiche, alcuni regolamenti

 

Tributo servizio gestione rifiuti, bilancio di previsione triennale, armonizzazione degli schemi e dei sistemi contabili, polizia mortuaria e doposcuola gli argomenti affrontati nel consiglio comunale di mercoledì 29 marzo, presso la sala multimediale della Casa di riposo di Don Orione. Durante la riunione presieduta dal sindaco Rino Feltri, dall’amministrazione comunale e dalla minoranza, sono emerse proposte, problemi e soluzioni.

Lievi i cambiamenti per quanto riguarda la tassa rifiuti (da pagare in 3 rate il 31 maggio, 31 luglio e 30 settembre) che è diminuita in base alla quota al metro quadro, ed è aumentata in base al numero di componenti, ma non tutte le categorie sono comprese. 

Nel 2018 inoltre sarà obbligatoria la raccolta differenziata e per garantire il livello di servizio, l’amministrazione comunale si muoverà a livello di Consorzio e continuerà inoltre a conservare l’isola ecologica del paese. 

È stato fatto presente da Giovanni Valentino D’Amico, per quanto riguarda il bilancio fino ad oggi, che vi è una mancata entrata di circa 409 mila euro dovuta alla morosità di molti contribuenti soprattutto per quanto riguarda la tassa rifiuti o quella per l’occupazione del suolo pubblico. 

L’amministrazione comunale ha quindi ribadito che per pareggiare il bilancio cercherà di sollecitare i cittadini che finora non hanno ancora pagato le bollette arretrate. 

Novità per quanto riguarda il sistema di contabilità che verrà modificato cercando di adottare un regolamento che sia in linea con le nuove politiche finanziarie e rendendolo quindi più semplice e leggibile. La proposta è stata approvata da tutti. 

Sono state apportate modifiche anche al regolamento comunale di polizia mortuaria per rendere più semplice l’accesso al cimitero a conviventi e partner legati attraverso unione civile con cittadini del paese. 

È possibile la cremazione anche con la sola autorizzazione di un parente. 

Inoltre chi ha un legame affettivo con Pontecurone, ed è stato lontano per molti anni, può essere seppellito a sua richiesta nel cimitero oppure, se una persona ha un legame con un proprietario di una cappella, e quest’ultimo vuole accoglierla, può farlo. 

L’idea dell’amministrazione comunale è quella di inserire il tutto in un unico regolamento che sia al passo con i tempi. 

Valentina Montis, assessore all’ambiente e al volontariato, ha affrontato l’argomento degli inceneritori dei rifiuti, mostrandosi sfavorevole al riguardo. Tutti sono stati d’accordo sulle ultime tre proposte. 

Samanta Burato, assessore alla pubblica istruzione e alle pari opportunità, ha parlato del servizio doposcuola e ha avanzato la proposta di renderlo comunale. Le tariffe vengono pagate in comune. Si vuole inoltre andare incontro alle famiglie, per quanto riguarda il servizio mensa, dando loro la possibilità di scegliere se presentare l’Isee oppure no. 

Akanksha De Sutti