CONTROLLI ALLA GUIDA CON IL DROGOMETRO 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   12/04/2017 00:00:26 

 

 

In dotazione alla Polizia di Stato

 

La Polizia di Stato sta effettuando controlli serrati per la prevenzione degli incidenti stradali causati da droga e alcool su tutto il territorio provinciale. In dotazione alla polizia, oltre all’etilometro per la rilevazione dell’abuso di alcool alla guida, vi è ora il drogometro o gascromatografia spettrometrica di massa, per l’accertamento immediato di sostanze stupefacenti in chi si trova al volante di un mezzo. E’ uno strumento di piccole dimensioni e di facile utilizzo, da oltre un anno in fase di sperimentazione presso la Polizia di Stato su tutto il territorio provinciale e in altre 34 province italiane. Serve a contrastare gli incidenti causati dalla guida sotto l’effetto di droghe il cui accertamento avveniva solo sottoponendo il conducente a esami ospedalieri o di laboratorio. Il drogometro viene utilizzato prevalentemente durante le notti del weekend per contrastare i rischi dello sballo da movida ma anche nei giorni feriali per controllare conducenti professionali di camion e pullman. Dall’inizio della sperimentazione si è accertato che il 30% dei conducenti positivi all’etilometro è poi risultato positivo anche al drogometro, in particolare per l’assunzione di cannabis e cocaina. Un controllo con il drogometro è stato predisposto dalla questura lo scorso fine settimana nel tortonese. Quattro pattuglie della Polstrada con il camper dell’ufficio sanitario provinciale hanno sottoposto a controllo con etilometro un centinaio di conducenti. Di questi, 4 avevano un tasso di alcool nel sangue oltre i limiti ed a loro carico sono scattate 3 denunce penali ed 1 contestazione amministrativa con sospensione della patente. Gli stessi automobilisti positivi all’etilometro sono stati sottoposti al drogometro che in tre casi è stato positivo per anfetamine, cannabis e cocaina che implicano la denuncia penale. I conducenti sanzionati sono tutti tra i 30 e i 40 anni, tre italiani ed un romeno, residenti in provincia. 

Nella foto: Lo strumento in dotazione alla Polizia per controllare chi è alla guida sotto effetto di stupefacenti