INCIDENZA E PREVENZIONE DEI TUMORI 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   19/04/2017 00:00:16 

 

 

Incontro Cri in sala Fondazione

 

Organizzato dalla Cri tortonese sabato 8 si è svolto un convegno ove si è parlato di lotta ai tumori. Molti medici hanno illustrato le loro esperienze sia nel campo della ricerca che in quello della cura diretta del paziente. Una mattinata interessante, ricca di spunti. Ad esempio il dottor Sasso, responsabile dell’unità di valutazione e organizzazione screening, ha illustrato una serie di dati rilevati sia da ricerche internazionali, che locali. Il 35% delle morti per tumori sono attribuiti a 9 fattori di rischio “potenzialmente modificabili” e le più importanti cause di cancro sono fumo, alcool, dieta, sovrappeso ed obesità. Sasso ha poi messo l’accento sulla possibilità di prevenire l’insorgenza ed il proliferare del male con screening appositi, perché è “stimato che metà di tutti i cancri potrebbe essere prevenuta”.

Nella nostra Asl, ad esempio, gli ultimi dati sullo screening per la cervice uterina hanno visto 19.547 donne, pari al 44,5%, aderire all’invito di sottoporsi ad esame, 762 sono state inviate in colposcopia, ed il tasso di identificazione del tumore è stato del 5,2 per mille. Per il tumore alla mammella, per il quale in città abbiamo un punto di eccellenza con la dottoressa Pacquola, è ormai dimostrato che la mammografia riduce del 35% i casi di mortalità perché permette di individuare precocemente il male: sempre in provincia il numero dei casi negli ultimi anni è stato di 512 con 236 morti e nel 2014 hanno aderito allo screening oltre 15 mila donne. Sono stati individuati 18 tumori benigni, 60 maligni con un tasso di identificazione del 4,1 per mille.

Ma Sasso ha pure parlato di altri tumori: l’incidenza del tumore del colon retto è alta: per i maschi 280 casi in provincia, 195 mortali, per le femmine i dati sono rispettivamente 245 e 180.

Oltre a tutti i medici che hanno apportato il loro contributo, un intervento è stato effettuato pure da Helenio Pasquali che ha ricordato come sia importante il ruolo del volontariato per raggiungere risultati apprezzabili nella lotta contro il tumore.