VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   08/11/2017 00:00:10 

 

 

Campagna di vaccinazione iniziata il 6 novembre

 

Ha preso il via, lunedì scorso 6 novembre, la campagna stagionale di vaccinazione antinfluenzale, il cui obiettivo, secondo l’assessore alla sanità, è coprire almeno il 75% dei soggetti interessati, che come è noto sono i cittadini di età dai 65 anni in su e da coloro che, più giovani, soffrono di malattie croniche che in caso di influenza possono sviluppare complicazioni: per loro la vaccinazione è gratuita. Lo scorso anno in Piemonte sono state colpite circa 560 mila persone mentre ne sono state vaccinate oltre 640 mila.

Nella campagna vaccinale sono coinvolti anche i farmacisti che consegneranno i vaccini ai medici di famiglia ed ai pediatri.

La Regione ricorda che l’influenza è una malattia seria, che colpisce tra il 5 ed il 15% della popolazione e che nella maggior parte dei casi si risolve senza complicazioni. Le persone a più alto rischio sono gli anziani e quelli che soffrono di asma e altre malattie respiratorie, diabete, malattie cardiache, renali, epatiche, metaboliche e con diminuite difese immunitarie per malattia o terapia. Come noto l’influenza si manifesta con febbre oltre i 38 gradi, mal di gola, tosse, secrezioni nasali abbondanti e potrebbe avere come complicazione: polmonite, otite, sinusite, disidratazione e peggioramento delle malattie croniche preesistenti, e negli anziani contribuire all’insorgere di attacchi cardiaci o ictus. Da ricordare, infine, che il vaccino deve essere ripetuto ogni anno perché il virus influenzale cambia spesso e quello dell’anno precedente potrebbe non essere efficace.