CONDANNATE PER INSULTI E PERCOSSE ALLA BADANTE 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   06/12/2017 00:00:14 

 

 

Sono state condannate rispettivamente a 5 mesi e 10 giorni ed a 5 mesi le sorelle Cristina e Maria Grazia Baiardi di 51 e 65 anni, residenti a Tortona e a Gremiasco. Le due donne, a seguito della querela presentata dalla badante albanese Marjane Shkambi che nel 2014, all’età di 33 anni, accudiva la loro madre, erano accusate di violenza privata e lesioni, solo Cristina di ingiurie con l’aggravante dell’odio razziale, per aver pronunciato frasi con richiami al razzismo hitleriano e al fuoco terreno per chi non tornava a casa sua.

Le due sorelle avrebbero rivolto alla badante minacce e lesioni consistenti in pugni e calci per costringerla a stare accanto alla madre fino a che non avesse finito di mangiare.

Le lesioni, lievi, hanno avuto cinque giorni di prognosi. Nessun accenno nel capo d’imputazione ai motivi del dissidio né perché le due sorelle, se scontente, non abbiano licenziato al donna.

Era accusato di ingiurie anche il genero Vittorio Angiolini di 72 anni di Gremiasco, assolto perché il reato è depenalizzato.