LA PAGINA DI CASTELNUOVO SCRIVIA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   20/12/2017 00:00:03 

 
 

Funzioni e costi della Casa della Salute che sarà realizzata in paese

 

Alla presenza dei vertici dell’Asl il direttore generale Gilberto Gentili, quello sanitario Elide Azzan e quello amministrativo Valter Alpe, mercoledì scorso in sala Pessini è stata presentata ufficialmente la nuova Casa della Salute che sorgerà al pianterreno ed al primo piano dell’ex ospedale Balduzzi. Sarà un punto di riferimento per tutta la Bassa Valle Scrivia di cui erano presenti i sindaci insieme ad una numerosa partecipazione di pubblico.

In Provincia sono cinque le Case della Salute: Castellazzo Bormida e Valenza già esistenti e che saranno potenziate; Arquata Scrivia, Castelnuovo Scrivia e Moncalvo che saranno attivate. Dovranno essere aperte almeno dodici ore al giorno ai cittadini, collegate tra loro e disponibili ad ospitare anche i pazienti che necessitano di un periodo di osservazione e vigilanza. 

La presa in carico del paziente cronico è quindi la mission delle Case della Salute attraverso il rafforzamento della multidisciplinarietà. Tre i fronti di investimento: il personale, le attrezzature e le strutture. 

Il progettista ing. Giorgio Cremonte ha illustrato gli interventi strutturali il cui importo è di circa 500 mila euro ed è interamente coperto dal finanziamento complessivo previsto dalla Regione è di 1.003.418,18 con un vincolo della somma da parte dell’Asl pari a un milione di euro sull’avanzo di bilancio. Si riuscirà ad intervenire sul complesso che attualmente ospita il poliambulatorio sistemandolo dal punto di vista normativo, creando nuovi spazi e procedendo con una ristrutturazione a misura delle nuove esigenze, disponendo i servizi e gli ambulatori (sia quelli pubblici che quelli dei medici) sui due piani, l’accoglienza e il disbrigo al pian terreno conservando gli ambienti attualmente occupati dalla Croce Rossa e dalla Guardia Medica che sono essenziali partner del progetto Casa della Salute.

L’intervento della dottoressa Silvia Stella, medico di famiglia tra i relatori, ha messo in evidenza la necessità di un supporto alla popolazione sempre più anziana come dimostrano tutte le statistiche a livello nazionale e locale. Il direttore del distretto, Franco Barresi, ha invece ricordato le specialità già attive: chirurgia, dermatologia, oculistica, otorino, neurologia, cardiologia, diabetologia, dietologia, pneumologia, fisiatria oltre al servizio infermieristico, all’ambulatorio di medicina pubblica, al consultorio, al punto prelievi e al Cup.

“Le Case della Salute - ha detto il consigliere regionale Domenico Ravetti - sono quelle che presto chiameremo “ospedali ambulatorio” e saranno il collegamento tra l’ospedale e il territorio dove ci si prenderà carico dei pazienti cronici ma anche di quelli che hanno solo bisogno di un controllo periodico. Siamo una popolazione sempre più anziana e dobbiamo rimodulare il servizio sanitario secondo queste esigenze. Non sempre c’è bisogno dell’ospedale e il pronto soccorso non è una soluzione”. L’accesso ai reparti di emergenza, i cosiddetti “codici bianchi” ha mandato in tilt numerosi pronto soccorso non solo nelle grandi città. Le Case della Salute vogliono diventare un ospedale di territorio dove – per esempio – fare un elettrocardiogramma che poi sarà messo “in rete” e per questo saranno coinvolti i medici di base e l’assistenza sarà dell’infermiere “di famiglia”. Investimenti, strutture e assunzioni saranno operativi dal-l’autunno laddove sono già esistenti per completarsi al termine del 2018.

 

Cronaca - Mercoledì incidente in piazza 

 

Martedì mattina in piazza Vittorio Emanuele, all'altezza del sagrato della chiesa parrocchiale, si è verificato un incidente le cui cause sono ancora in via di accertamento da parte della locale polizia municipale, prontamente intervenuta sul luogo dell'accaduto. Protagonisti della disavventura sono stati Francesco Giordano, residente in via Soldini, a bordo del suo autocarro, ed Angioletta Corti, abitante in paese, via Gattinara.

Ad avere la peggio è stata proprio quest'ultima le cui condizioni hanno reso necessario l'intervento del 118 ed il ricovero precauzionale di 24 ore all'ospedale di Tortona, avendo riportato un trauma cranico e contusioni varie. Le sue condizioni sono comunque migliorate con il passare delle ore ed infatti mercoledì in tarda mattinata è stata dimessa. 

 

Vince 10 mila euro con un gratta e vinci

 

E’ stata una bella domenica per il fortunato vincitore di 10 mila euro che si è così fatto un ottimo regalo di Natale. La vincita è stata realizzata presso la tabaccheria-ricevitoria di Enzo e Simonetta. Il cliente gioca un gratta e vinci, precisamente il “Miliardario” da 5 euro e inizia a grattare. Ad un certo punto pensa di aver vinto 500 euro ma i titolari si sono subito resi conto che la cifra era ben più alta. Infatti con il simbolo pescato la vincita è data dalla somma di tutti i premi trovati: 10 mila euro, appunto. Il fortunato giocatore non credeva ai propri occhi e anche i clienti che si trovavano nel locale sono rimasti felicemente sorpresi. Non trapela nulla di più ed il vincitore continua a restare anonimo: dai titolari c’è il massimo riserbo pur trattandosi, almeno così sembrerebbe, di un cliente abituale. La ricevitoria di via Garibaldi non è nuova a queste vincite sia con i gratta e vinci che con il lotto ed i concorsi Sisal.

Helenio Pasquali

 

Convegno in sala Pessini - Sicurezza ed emergenza nel settore agricolo

 

Tematiche di stretta attualità e quindi di grande interesse per il settore agricolo quelle affrontate martedì mattina in un convegno organizzato dalla Coldiretti provinciale e da CarLab. Folta la partecipazione di pubblico che si è confrontato sui temi salienti di: salute, rischi ed infortuni e, soprattutto, su come individuare ed affrontare le principali criticità per le emergenze e la sicurezza in agricoltura. Al convegno hanno preso parte la responsabile di zona Coldiretti Tea Scaglia, il direttore Coldiretti Alessandria, Leandro Grazioli, Irene Grosso ed Andrea Lovazzano per CadirLab, Marco Pestarino, medico competente che ha parlato della prevenzione sanitaria, Renato Delmastro della Cnr Imamoter ed infine Marino Ravera, responsabile del Patronato Epaca di Coldiretti. Tutti hanno ribadito l’importanza di questi momenti di formazione sulla sicurezza proprio perché non bisogna lasciare l’impresa da sola, bensì oggi è sempre più necessario creare i presupposti per una sinergia completa con le istituzioni. Anche in agricoltura, come per tutti gli altri settori, è fondamentale la corretta adozione delle disposizioni in tema di sicurezza per garantire un’adeguata e reale salvaguardia della salute degli operatori, contemplando altresì la sicurezza alimentare dei prodotti italiani.

Helenio Pasquali

 

Un successo l’idea dell’albero comunitario

 

Sono stati davvero tanti i bambini che nella giornata dell'Immacolata hanno accolto l'invito di recarsi in piazza per addobbare, tutti insieme, il grande albero accanto alla chiesa parrocchiale, illuminato già da alcuni giorni. I più piccoli, con le famiglie e gli educatori che li hanno seguiti nella preparazione di tutti gli addobbi natalizi, hanno condiviso la gioia di festeggiare in modo così originale i primi preparativi in attesa del Natale. "Ho colto l'idea dell'albero comunitario - dice il sindaco Tagliani - dalla città di Torino. Accanto a quello principale, è stato infatti possibile decorare una serie di alberelli installati per l'occasione". E così, grazie a Cantiere Cultura ed alla biblioteca, realtà sempre molto attive in paese, è stato possibile realizzare un laboratorio gratuito: se n'è occupata Paola Mariotti, insieme ad altre educatrici che sono state presenti anche nella mattina di venerdì proprio per completare tutte le decorazioni.

Helenio Pasquali

 

EcoProgram: 5 in Nazionale

 

All’interno del progetto #contagioazzurro il coach della nazionale maggiore, Marco Crespi, ha tenuto, mercoledì 13 dicembre, una sessione di allenamento al Palasport di Broni; ben cinque le atlete dell’EcoProgram che sono state convocate per questo appuntamento (Claire Giacomelli, Lydie Katshitshi, Tayara Madonna, Francesca Rosso ed Annalisa Vitari), notizia che rappresenta un ulteriore riconoscimento, oltre che del valore delle giocatrici, anche dell’ottimo lavoro svolto dalla società castelnovese.

In foto: le ragazze dell’EcoProgram convocate insieme a coach Marco Crespi

 

Basket Club Castelnuovo Scrivia

 

Costa Masnaga-EcoProgram                82-66

Non riesce l’impresa all’EcoProgram che sul campo di Costa Masnaga deve cedere i due punti pagando una prima parte di gara negativa in fase difensiva; la bella rimonta operata dopo l’intervallo veniva poi vanificata da un ultimo quarto nuovamente deficitario nella propria metà campo. Dopo un buon avvio delle giraffe (5-0) erano le padrone di casa a prendere in mano l’inerzia; il 24-17 del 10’ lanciava la fuga delle lecchesi che approfittavano di un black out delle ospiti (a secco nei primi 5’) per doppiare le avversarie (34-17). Il Bcc era bravo a non crollare e pian piano riemergeva andando al riposo sotto la doppia cifra (45-36). Terza frazione tutta dell’EcoProgram che arriva fino al -1 (53-52) ma un paio di distrazioni permettono alle locali di riallungare nuovamente al 30’ (60-54) e nei 10’ finali erano ancora le amnesie del reparto arretrato castelnovese a permettere a Costa di conquistare la vittoria. Le ragazze di Pozzi torneranno in campo sabato (ore 17 a Tortona) contro San Salvatore Selargius.  

ECOPROGRAM: Corradini, Rosso 6, Katshitshi 13, Madonna 14, Vitari, Algeri, Borghi, Colli 14, Giangrasso, Ljubenovic 16, Giacomelli 3. All. Pozzi, v.all. D’Affuso.

Giovanili

Altro weekend positivo per le giovanili castelnovesi, entrambe vittoriose. Più agevole la vittoria dell’Under 18 di Martinelli che sul campo dell’Azzurra Basket costruisce il successo grazie ad una prima frazione autoritaria (22-8) bissata poi, dopo un secondo quarto equilibrato (38-25), al rientro in campo (60-33) rendendo superflua la frazione finale. Molto più sofferta l’affermazione delle ragazze di Balduzzi che per oltre 30’ vengono messe alla frusta dalle avversarie (ancora l’Azzurra Basket) per poi far valere la loro superiorità nei 10’ conclusivi. Primo quarto con il Bcc avanti (16-13) ma nelle due frazioni centrali sono le ospiti a giocare meglio chiudendo avanti sia al 20’ (34-32) che al 30’ (46-41). Le castelnovesi grazie ad un ultimo quarto super riuscivano a ribaltare la situazione ed a chiudere vittoriose. Under 18 che ospiteranno, nel prossimo turno, la capolista Venaria (domenica 17 ore 17,30) mentre le Under 16 saranno impegnate (sabato 16, ore 17) sul campo del Basket Femminile Biellese.  

Under 18

Azzurra Basket Vco-Bc Castelnuovo        46-76

BC CASTELNUOVO: Salvadeo Fr. 11, Stella 3, Bernetti 10, Salvadeo Fe. 10, Balduzzi 4, Curone 2, Pagella 4, Bassi 7, Serpellini 17, Sacchi 8. All. Martinelli.

Under 16

Bc Castelnuovo S.-Azzurra Basket Vco        63-56

BC CASTELNUOVO: Ferrari 4, Marchesotti M. 2, De Petris, Pacenza 2, Marchesotti A., Veronese 4, Repetto 11, Bernetti 12, Quintiero 20, Falabrini, Bassi 9. All. Balduzzi.

Promozione maschile

Bc Castelnuovo-Bivi Pall. Nichelino        63-76

Niente da fare per le giraffe che si devono inchinare di fronte alla formazione avversaria, apparsa oggettivamente più forte.

Castelnovesi in partita nei primi due quarti, chiusi entrambi sul -5 (16-21 e 32-37), ma dopo l’intervallo i torinesi salivano in cattedra piazzando il break decisivo. Prossimo impegno, l’ultimo prima della sosta natalizia, venerdì sul campo di Asti (ore 21,15).

BC CASTELNUOVO: Maimone 13, Ursinsche, Granata 7, Muciaccia, Parodi 4, Mossi 12, Salvadeo 4, Cioccale, Mandirola, Veronese 23, Benetton. All. Saterini.

Mini Basket

Al via il Trofeo Esordienti con i giovanissimi di Clara Tallone che ospitano il Mado Valenza (domenica 17 ore 11).

 

2ª Categoria - Girone M - Castelnovese sempre più lanciata

 

Capriatese-Castelnovese    2-4

La chiave del successo della Castelnovese di mister Roberto Moiso va individuata nella miglior gestione del match a conferma dell'esperienza di questa squadra che sta diventando sempre più sicura di sé. I padroni di casa passano in vantaggio con Sorbino, bravo ad involarsi sul filo del fuorigioco e superare un incolpevole Gandini. A rimettere il punteggio in parità ci pensa il bomber Fossati che dagli undici metri non sbaglia. Nuovo sorpasso della Capriatese con Dionello, partito da posizione dubbia. Match molto combattuto e Caste nuovamente in partita grazie al gol del momentaneo pari firmato ancora dal bomber Fossati con una magistrale punizione. Ripresa con i ragazzi di Moiso all'arrembaggio: così, dopo le occasioni capitate a Tarditi e Sozzè, arriva la firma di Di Leo che porta la Caste sul 3-2. Gavio e compagni riescono a gestire con attenzione il vantaggio potendo contare sempre su un grande Gandini. Ultime battute con la Castelnovese che sigla addirittura il 4-2 grazie a Gatti, subentrato da poco a Tarditi. Con questo prezioso successo la squadra sale al secondo posto in classifica, in coabitazione con la Viguzzolese, domenica fermata in casa dalla Vignolese. Prossimo match, altra trasferta per la Castelnovese, contro il fanalino di coda Serravallese.

CASTELNOVESE: Gandini, Islamaj, Tarditi (55’ Gatti), D. Gavio, Setti, Sozzè, L. Andriolo, Quaglia, Belvedere (88’ Spinetta), Fossati (89’ M. Gavio), Di Leo (80' Ramundo). All. Moiso.

Reti: Sorbino (Cap) al 10', Fossati (Cast) al 15' e 30', Dionello (Cap) al 25', Di Leo (Cast) al 50’, Gatti (Cast) all’88’.

Nella foto:  Alberto Gatti

Helenio Pasquali

 

Settore Giovanile - Juniores punita

 

Don Bosco-Castelnovese    3-1

Prestazione opaca della Castelnovese di mister Setti che deve cedere 1-3 alla Don Bosco in un match che ha visto i bianconeri puniti ad ogni minimo errore. Avvio con Bonacina che calcia a lato da posizione favorevole. 

Quindi al 20’ Cardillo porta in vantaggio la Caste ma l’arbitro, dopo aver correttamente convalidato il gol, lo annulla tra l’incredulità di tutti. Al vantaggio dei padro-ni di casa, giunto al-la mezzora, risponde puntuale Bonacina al tramonto dei primi 45’ di gioco. 

Ripresa con nuovo sorpasso della Don Bosco in seguito ad un errore in palleggio dei bianconeri. 

Fioccano poi le occasioni per la Caste che però non vengono sfruttate da Bonacina, due volte, Cardillo, Cella e Neve. E nella più classica delle azioni di rimessa, i padroni di casa arrotondano il punteggio portandosi definitivamente sul 3-1. Prossimo match al Crespi contro l’Ovadese.

CASTELNOVESE: F. Neve, Aarab, Piccinini (55’ Torti), Sacchi (65’ Marcone), Cella, Dessì, Cardillo, Mastarone, Daffunchio, A. Neve, Bonacina (75’ Mihalcea); a disp. Pisani, Castagnaro. All. Setti.

Helenio Pasquali