DECISE LE OPERE PAGATE DAL COCIV PER IL TERZO VALICO 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   10/10/2018 00:00:13 

 

 

Riguardano le strade Savonesa, Pavese, Bosco e Cerca

 

Il 20 settembre scorso la giunta ha deliberato l’approvazione della convenzione con il consorzio Cociv per il Terzo Valico per la realizzazione dell’intervento denominato “Mobilità e circolazione sostenibile, ristrutturazione ed adeguamento strade ed impianti nelle frazioni di Rivalta Scrivia e Torre Garofoli”. Una breve cronistoria. Nel 1992 le Ferrovie ed il Cociv stipulano il contratto per la realizzazione del Terzo Valico; nel 2003 viene approvato il progetto preliminare; nel 2012 la Regione inserisce il progetto fra le infrastrutture importanti da realizzare. In seguito viene concordato tra i comuni interessati ed il Cociv di costruire insieme un progetto condiviso e ad ogni comune viene assegnato 1 milione di euro per lavori. Da lì la convenzione che sarà tra breve firmata e che prevede lavori in strada Savonesa, strada Pavese, Bosco e Cerca ed interventi vari. Il progetto e la realizzazione saranno ad opera del comune ed i termini sono: 240 giorni per la conclusione della fase progettuale, 600 giorni dalla data di sottoscrizione della convenzione per il completamento degli interventi.

Non è dato sapere, allo stato attuale, però, quali saranno gli interventi progettati per le strade sopra elencate, posto che se i lavori per il Terzo Valico proseguiranno (attualmente pare che il governo abbia sospeso i finanziamenti) il cavalcaferrovia lungo la ex statale per Alessandria, zona ex Omt, dovrà essere abbattuto e ricostruito per cui sarà necessario individuare una circolazione alternativa per Alessandria. Noi avevamo suggerito di utilizzare questo milione per la progettazione definitiva della tangenziale che dovrà unire l’attuale tronco che finisce all’altezza del casello autostradale alla rotonda già realizzata lungo la ex statale 10 all’altezza della località Cascinotti.