INCOMBE SEMPRE LA SICCITÀ 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   21/02/2018 00:00:19 

 

 

Lo scorso gennaio, come già abbiamo scritto, è stato un mese dal punto di vista meteorologico abbastanza brutto e non freddo. Ciò ha portato ad un miglioramento delle Pm10 che sono drasticamente diminuite rispetto agli anni precedenti, toccando il minimo dal 2007. Ma la prospettiva che dal punto di vista meteorologico abbiamo dinnanzi è quella di una siccità sempre più marcata. Nella tabella che racchiude i principali dati relativi ai mesi di gennaio degli ultimi 8 anni, infatti, lo scorso mese è stato il quarto più piovoso con 50,9 millimetri, nulla a confronto dei 177,5 del 2014. Ma il vero problema è che questo mese fa seguito ad una lunga serie di mesi aridi, otto, interrotti solamente da dicembre. Il che ha portato le nostre riserve idriche ad un minimo preoccupante che i nostri amministratori non devono sottovalutare. Insomma il problema con la mancanza di nevicate significative anche in alta montagna è che le falde non riescono ad accumulare riserve e sono sempre ai minimi. L’Arpa nei suoi rilevamenti giornalieri dei torrenti e del Po pubblica questi dati: Curone rilevato a Volpedo è a -0,5 sul livello idrometrico; lo Scrivia a Guazzora è a 0,6 mentre misurato a Serravalle è a -1: del resto basta affacciarsi sul ponte lungo la ex statale per Alessandria per vedere che il livello del nostro torrente è quello della tarda primavera, e non della fine dell’inverno.

Non meglio sta il Po: misurato ad Isola Sant’Antonio oscilla tra lo 0,6 e lo 0,7 metri, a Valenza invece è praticamente fisso a -0,8!

Infine un dato sulla temperatura: 5 gradi di media per gennaio non sono affatto pochi e lo scorso mese è stato superato solo dal gennaio 2014 ma di 0,2 gradi!