SIAS ESCE DA AISCAT 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   19/12/2018 00:00:16 

 

 

E’ stata formalizzata nei giorni scorsi l’uscita dall’associazione dei concessionari autostradali, Aiscat, presieduta come noto da Fabrizio Palenzona, di Sias, società del Gruppo Gavio, che gestisce fra le altre la Torino-Milano, la Torino-Piacenza, l’autostrada dei Fiori ed il traforo del Frejus. La lettera a firma dell’amministratore delegato Umberto Tosoni recita: le concessionarie controllate dal gruppo Sias “hanno maturato la volontà di recedere da Aiscat, volontà che riflette il cambiamento industriale e strategico intrapreso dal gruppo negli ultimi anni”. Nella lettera si dice anche che il gruppo è portato a “intraprendere nuove politiche industriali puntando sulla diversificazione geografica e sulla promozione e sviluppo di progetti greenfield (ovvero nel settore ecologico) sfruttando le competenze interne”. Il gruppo, si continua a leggere nella lettera, è “sempre più internazionale e orientato verso una logica di one company con competenze integrate nei settori dell’ingegneria e tecnologia; Sias è non solo gestore di concessioni autostradali, ma player globale protagonista dell’intero ciclo di vita di una infrastruttura. Il gruppo si è posto ambiziosi obiettivi guardando al futuro in una logica integrata di attività e competenze in cui la sfida dei mercati, la competitività e la partecipazione alle gare risultano elementi centrali. Questo convincimento, oltre a richiedere il recesso da parte delle concessionarie controllate dall’Aiscat, ci porta a valutare nei prossimi mesi l’eventuale ingresso della holding in Confindustria, ritenuta ambito associativo più naturale per i nuovi obiettivi del gruppo”.

© riproduzione riservata