LA PAGINA DEI PAESI 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   04/04/2018 00:00:07 

 

Cronaca dai paesi

 

Casalnoceto. Spese di segreteria

Liquidati 13.627 euro a favore del comune di Viguzzolo per spese di segreteria convenzionata tra i comuni di Brignano Frascata, Momperone, Casalnoceto, San Sebastiano Curone, Fabbrica Curone, Montacuto e Villalvernia per l’anno 2017.

 

Pozzol Groppo. Fine lavori

Approvato il certificato di regolare esecuzione dei lavori di messa a norma e manutenzione straordinaria degli impianti sportivi affidati alla Rgm del paese per un costo complessivo di 49.503 euro; liquidati 1.826 euro a saldo alla Rgm.

 

Esce di strada: in prognosi riservata

E’ accaduto nelle prime ore di giovedì 22 marzo lungo l’ex statale per Pozzolo Formigaro. Il 70enne Guido Rango di Novi Ligure alla guida di una Dacia Duster, forse per un malore, è uscito fuoristrada urtando contro l’abitazione del 66enne Vincenzo Giuliano. L’uomo è stato trasportato all’ospedale di Novi ove è stato operato.

 

Casalnoceto. Conto consuntivo

Chiude con un avanzo di amministrazione di 215.673 euro il consuntivo 2017 che evidenzia un fondo cassa passato da 265.175 euro a 292.233 con 1 milione 179.919 riscossioni e 1 milione 152.861 pagamenti; i residui attivi sono 288.790 quelli passivi 288.591.

Vi è poi un fondo pluriennale vincolato alle spese correnti di 18.538 euro ed uno per le spese in conto capitale di 58.220 euro. Dell’avanzo 2017 100 mila euro sono destinati ad investimenti, mentre 102 euro sono vincolati.

 

Carbonara Scrivia. Lavori all’ex Fonderia Castelli

Ulteriori lavori di bonifica e messa in sicurezza dell’ex palazzina uffici sono stati affidati alla Mentore srls di Corana per un importo di 22.745 euro;  alla stessa ditta per un costo di 19.443 euro sono stati affidati i lavori di messa in sicurezza dell’area, relativa ai lotti 2 e 4.

 

Carbonara Scrivia. Affidamenti

Per un costo di 23.180 euro affidata alla Ro.Go srls del paese la manutenzione delle strade e relativi impianti; la manutenzione degli immobili comunali è affidata invece al Gruppo La Rocca srl di Novi per un costo di 23.180 euro; l’aggiornamento catastale del fabbricato che ospita le scuole sarà svolto dal geometra Andrea Maimone del paese per un costo di 3.100 euro; l’aggiornamento del piano di protezione civile è stato invece affidato all’ingegner Filiberto Manfredi di Alessandria per un onorario di 4.466 euro; infine l’indagine diagnostica dei solai e degli elementi non strutturali degli edifici scolastici è stata affidata all’ingegner Giancarlo Galano di Tortona per un costo di 10.442 euro.

 

Carbonara Scrivia. Affidati i lavori per ampliare la materna

La Opere Edili G.B. sas di Perloz in provincia di Aosta che ha offerto un ribasso del 23,256% si è aggiudicata la gara per l’ampliamento della scuola materna per un importo complessivo di 223.281 euro.

 

Avolasca. Donazione ai terremotati 

Nonostante sia trascorso oltre un anno dal terremoto che colpì il centro Italia il 24 agosto 2016, pro loco e abitanti del paese hanno raccolto e devoluto mille euro al comune di Castelsantangelo sul Nera, duramente colpito dal sisma.

 

Gremiasco. Piazza dedicata a Don Bassi

Il prossimo venerdì 6 aprile si terrà la cerimonia d’intitolazione della piazza antistante la chiesa a don Angelo Bassi “Giusto tra le Nazioni”. Per quel giorno è in vigore dalle ore 15 alle 18,30 il divieto di sosta e di transito a tutti i veicoli nel centro del paese. In particolare nelle piazze Vittorio Veneto, della chiesa e nelle vie Bonfiglio e Soldati dispersi in Russia.  

 

Guazzora. Permesso di costruire

Zimarr srl e G. F. srl permesso di costruire in sanatoria per ristrutturazione fabbricato d’abitazione in via Roma 44.

 

Pozzol Groppo. Lavori urgenti ponticello

I lavori urgenti di messa in sicurezza del ponticello sulla strada per Mongarizzo sono stati affidati con un’ordinanza alla Cos.Mo. di Sarezzano; alla stessa ditta sono stati affidati pure i lavori di ripristino dello sbocco fognario nello Staffora in località Osteria Nuova, per un costo di 8.411 euro.

 

La procura ha chiuso le indagini

Agricoltori riscuotevano contributi non dovuti

 

L’indagine della procura di Alessandria, portata avanti dalla sostituta Saracino che per anni fu anche sostituta presso la procura tortonese, si è ora conclusa con la richiesta di procedere contro 38 indagati, quasi tutti agricoltori. L’accusa nei loro confronti è di aver indebitamente percepito contributi agroalimentari dalla Regione pur senza essere in possesso dei requisiti o delle condizioni previste dal bando regionale; le aziende agricole, secondo l’accusa, avrebbero incassato tra i 5 ed i 25 mila euro. Tra i 38 finiti sotto inchiesta vi sono Nicolò Bergolo di Piovera, Matteo Parodi ed Edoardo Zancheo di Pozzolo Formigaro, Pierluigi Ferrari, Angelo Ferrari e Irene Sala di Castelnuovo Scrivia e Gianni Ferrari di Sale.

La Regione nel 2012 aveva predisposto un piano di sviluppo rurale, Psr, mirante ad incrementare l’uso di fertilizzanti naturali in luogo di quelli chimici, sostituendoli con il compost formato dai rifiuti. La Coldiretti attraverso una sua società, la Impresa Verde,  predispose un progetto raggiungendo un accordo con Aral, la società dei rifiuti alessandrina, che si impegnava a fornire il compost. Gli agricoltori avrebbe ricevuto un contributo di 180 euro ad ettaro. Tuttavia Aral, come noto, entrò in crisi e non fu più in grado di fornire il compost necessario, ma secondo l’accusa gli agricoltori hanno continuato a ricevere i contributi.

 

VillaromagnanoOrdinanze per bonifica amianto

 

A seguito di una segnalazione del maggio dello scorso anno venne avviato un procedimento nei confronti di Adriano Ardizzone proprietario di un immobile in via Casati 3 per la presenza di copertura in fibrocemento. Nel gennaio di quest’anno l’Arpa ha certificato non solo “la presenza di fibre di amianto ma anche un indice di degrado scadente, con indice di esposizione elevato con un termine per la bonifica di 6 mesi”. Per questi motivi il sindaco ha ordinato all’Ardizzone la bonifica del tetto entro 6 mesi non derogabili.

Sempre nel maggio dello scorso anno vennero presi in esame immobili con tetti in fibrocemento, siti alla frazione Fonti, di proprietà di Bruno Giovanetti, Maria Leone, Rino Gatti e Laurina Bono. La verifica, nel settembre scorso, stabilì che “limitatamente ai capannoni 1 e 2 vi era presenza di fibre di amianto con indice di degrado scadente ed indice di esposizione medio con termine per la bonifica di 12 mesi”. Anche in questo caso il sindaco ha emesso ordinanza di bonifica.