I PICCOLI DI CAPRIOLO NON SI TOCCANO 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   11/04/2018 00:00:07 

 

 

La Provincia ha reso noto un vademecum per la gestione della fauna selvatica in difficoltà secondo i dettami della legge nazionale 157 del 1992. Per tutti gli esemplari di fauna selvatica (lupo, rapaci, uccelli, daini, caprioli, cinghiali) feriti occorre comunicare alla Provincia il ritrovamento entro 24 ore senza alcun costo a carico dell’utente. La selvaggina sarà prelevata dalla Provincia. Per contatti: ufficio provinciale vigilanza faunistica 0131 304771, orario d’ufficio lunedì, martedì e giovedì ore 8-14, 14-17; mercoledì e venerdì 8-13; sabato e domenica chiuso; email: vigilanzafaunistica@provincia.alessandria.it; centro di recupero Lipu Tigliole d’Asti 338 9320815, 347 2425611. Da ricordare che nel periodo primaverile se si ritrovano piccoli di uccelli, daini e caprioli che sembrano abbandonati, non è così, è la madre che li nasconde per svezzarli. Quindi non sono da toccare né da spostare perché rischiano la morte anche solo per spavento.