GIUNTA BARDONE TUTTA TARGATA PD 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   30/01/2019 00:00:20 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo

Dopo la nomina del nuovo assessore

 

Egregio Direttore,

a leggere le cronache politiche tortonesi di questo inizio anno pare che l’attività amministrativa del sindaco sia focalizzata esclusivamente sulle elezioni comunali del prossimo mese di maggio. Ad iniziare dal bizzarro rimpasto in giunta dettato in tutto per tutto da logiche politiche che nulla hanno a che vedere con quel “civismo” di cui Bardone vorrebbe farsi portavoce, anzi. La nomina della dottoressa Maria Grazia Pacquola, al contrario di come è stata presentata, ne è la prova lampante. Pur stimando l’importantissimo lavoro della dottoressa alla guida della Senologia del nostro ospedale, non possiamo fare a meno di chiederci quale reale contributo possa portare a quattro mesi dalla scadenza del mandato e con soltanto poche settimane per operare concretamente, ricordando che, a partire da 45 giorni prima della data delle prossime elezioni amministrative - previste per il 26 maggio - sarà possibile occuparsi solo dell’ordinaria amministrazione. Senza dimenticare il tempo necessario a chiunque si trovi ad amministrare per la prima volta, per prendere confidenza con i meccanismi e le dinamiche dell’ente comunale. Da un punto di vista prettamente politico comunque, Bardone non ha fatto altro che rafforzare la presenza del Pd nella sua giunta: la dottoressa Pacquola è infatti da anni notoriamente impegnata all’interno di quel partito. Ma non è l’unico esempio che ci aiuta a comprendere meglio la “frenetica” attività amministrativa: dell’approvazione (dopo quattro anni e numerose sollecitazioni) del regolamento del campo nomadi abbiamo già scritto, ma ci permetta qui di far notare la serie di lavori pubblici annunciati o appaltati per il 2019 e che attendevano da tempo di essere sbloccati. Su tutti, gli interventi previsti allo Chalet Castello ed al Teatro Dellepiane, ma anche i lavori al cimitero (che da anni versa in uno stato fatiscente!), al campo sportivo “Cosola” (possibili soltanto grazie al contributo della Fondazione) e così via. Improvvisamente, l’amministrazione si ricorda della manutenzione di edifici, strade, marciapiedi ed illuminazione pubblica. L’impressione è che la corsa del sindaco per recuperare consensi, dopo avere di fatto traccheggiato per più di quattro anni, stia producendo una serie di deliberazioni che ricadranno sulla prossima amministrazione, conditi da diversi annunci, più o meno altisonanti, che non potranno essere realizzati entro aprile. Ci domandiamo cosa aspettarci nelle prossime settimane e se Bardone e il Pd arriveranno a fare come Achille Lauro, offrendo subito la scarpa sinistra e promettendo la destra dopo le elezioni!

Il Direttivo Lega Salvini,

sezione di Tortona