IL COMITATO COMMERCIANTI DEL CENTRO INIZIA AD OPERARE 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   16/05/2018 00:00:23 

 

 

Il numero degli aderenti ha superato le 100 unità

 

Il comitato dei 90, ora ormai dei 100 e più commercianti, sta faticosamente muovendo i primi passi. Operazione difficile per qualsiasi neonato, immaginiamo per chi ha tanti genitori (ogni commerciante che si è iscritto) ad insegnare come si fa.

Ma l'importante è iniziare e l'incontro di martedì scorso è servito proprio a questo. 

Per Street Food ed AssaggiaTortona, le due manifestazioni in programma tra qualche settimana, il tempo per pensare a qualche altra manifestazione "di contorno" non c'è ma una decisione è stata ugualmente presa: chiedere al comune il permesso di esporre nelle vie adiacenti a quelle della manifestazione ed in via Emilia nord la propria merce, magari accompagnata da un bicchiere di vino, senza dover pagare il plateatico e con via Emilia chiusa al traffico dalle 14,30 del sabato del weekend in cui si svolge la manifestazione.

Per il resto gli oltre cinquanta partecipanti alla riunione hanno insistito nel fare ancor più proselitismo, ad esempio cercando commercianti in alcune vie ove non si è ancora passati, come corso Alessandria, e ripassare dagli scettici, cioè da quelli che hanno risposto: "voglio vedere prima cosa fate". Rimane il problema principale, quello che assilla ogni associazione ed ogni imprenditore, per piccolo che sia: che fare? In questo caso, purtroppo, le idee sono ancora un poco scarse, spesso in conflitto tra loro, cosa che avviene sempre quando in un'associazione sono in tanti a pensare e tutti sono portatori di interessi poco convergenti. Ma una cosa è emersa chiara: occorre riportare la gente in città, fare capire ai potenziali clienti che il negozio può dare molto al cittadino, in tanti sensi: qualità, assistenza e vivibilità in una città che non può vivere con troppi negozi chiusi. 

Perché il problema, come ci pare giustamente ha sostenuto una commerciante, non è una manifestazione nel fine settimana, ma rianimare quotidianamente il centro, inventarsi appuntamenti, anche piccoli, che abbiano scadenza settimanale ma che siano in grado di riportare in centro il cliente. Per far ciò ci vuole l'impegno dei commercianti, che devono imparare sempre più a fare sistema, ma anche dell'amministrazione comunale: niente più plateatico per l'esposizione esterna dei prodotti nei fine settimana, collaborazione magari accollandosi il costo della Siae per qualche piccola festicciola musicale. E, soprattutto, avere la sincera intenzione di aiutare, perché in molti hanno ricordato la risposta avuta da un amministratore in occasione del Natale scorso quando, per l'annosa vicenda delle luminarie, è stato loro risposto che "abbiamo già fatto tanto, volevamo fare venire anche un mercato per alcune settimane!".

Ed intanto pensando ormai all'autunno ed all'inverno i responsabili del comitato andranno a caccia di altre sovvenzioni, Fondazione Cr Tortona in primis, e chiederanno al comune una maggior attenzione per la pulizia delle strade e dei portici, con un particolare occhio di riguardo a quelli che un tempo, ormai molto lontano, ospitavano il negozio di Diamante, in via Emilia nord.

Nella foto: Maria Luisa Vaccari, Sergio Grosso, Gianni Mutti e Orlando De Luca