L’AIDO HA 1.103 ISCRITTI 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   27/02/2019 00:00:11 

 

 

Mercoledì 20 sera i soci della sezione tortonese e della bassa valle Scrivia dell’Aido, l’Associazione italiana donatori organi, si è riunita per approvare il bilancio dello scorso anno e predisporre le attività per quello in corso. La riunione si è svolta alla presenza della presidente provinciale Nadia Biancato. Approvato il bilancio, purtroppo ben poca cosa perché vive sui proventi degli iscritti e di poche elargizioni, il presidente locale Anna Bisio ha illustrato le attività per il 2019. Ma prima è giusto ricordare che il gruppo tortonese ha ben 1.103 iscritti (avendone ceduti qualche decina ad Alessandria perché abitanti ad Alluvioni Piovera) con ben 69 iscritti in più nel corso del 2018; se si considera che in tutta la provincia l’incremento è stato di 391 iscritti, si può ben vedere che Tortona ha fatto, alla grande, il proprio compito di divulgazione ed affiliazione. Per il 2019 gli appuntamenti, per ora, sono quelli fissi:  il 27 marzo a Castelnuovo, poi il tavolo all’ingresso dell’ospedale, poi le fragole a maggio, in agosto a Pontecurone, Sale, Viguzzolo, Molino, sempre e solo sfruttando le risorse dei soci e dei volontari “sempre più anziani” a quanto pare, “anche se tra i nuovi iscritti la media dell’età è abbastanza bassa, per cui si spera nel futuro”. La presidente provinciale ha poi annunciato che il 20 marzo l’Aido alessandrino sarà ricevuto in udienza dal Papa: il costo del viaggio (partenza il 19) in pullman e del pranzo è di 75 euro: prenotazioni entro fine mese. Chi vuole può chiamare i cellulari 333 1877657 oppure 339 6775745 o scrivere a tortona@aido.it.

Nelle foto: Simona Vaccari ed il presidente tortonese Anna Bisio; parte dei soci presenti, la prima da sinistra è il presidente provinciale Nadia Biancato