LAVORI DI RIPRISTINO E DIFESA SPONDALE TORRENTE SCRIVIA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   27/02/2019 00:00:14 

 

 

A costo zero per l’amministrazione comunale tortonese

 

Sono iniziati da almeno una settimana, e grazie al bel tempo stanno proseguendo alacremente, i lavori di ripristino della difesa spondale riva destra dello Scrivia per una lunghezza di 336 metri nei pressi della discarica. I lavori, progettati dall’amministrazione comunale tortonese, prevedono, per tutti i lotti, l’estrazione di 765 mila metri cubi di ghiaia a compensazione con i lavori per un importo complessivo di 4 milioni 440 mila euro; ciò significa che per il comune tortonese sono a costo zero. Questo secondo intervento, primo stralcio, è per un importo di circa 400 mila euro ed è stato vinto dalla Imco srl, ora assorbita dalla Codelfa. La decisione della giunta comunale risale allo scorso anno quando venne deciso di utilizzare l’ordinanza ministeriale a seguito dell’inondazione del 2014 e prevede: • la realizzazione di un argine sulla sponda sinistra in località cascina Castellotto; • il consolidamento e prolungamento della scogliera a protezione della strada di accesso alla discarica (quella che è iniziata ora); • la realizzazione di un argine sulla sponda destra a difesa dei pozzi dell’acquedotto a Castellar Ponzano ove è stata erosa la protezione esistente. “Il lavoro che si sta eseguendo - ci è stato spiegato dall’ingegner Alessandro Gandolfo della Codelfa e dall’ingegner Simonetta Simonini direttore dei lavori, che abbiamo incontrato assieme al sindaco Bardone sulle rive dello Scrivia - consiste nello spostare il corso del torrente per poter lavorare all’asciutto e realizzare una scogliera di massi ciclopici per mettere in sicurezza la strada per la discarica ed evitare altre esondazioni”.

 

 

 

 

In foto: le prime due foto si riferiscono all’area dei lavori prima che questi iniziassero: notare il livello del torrente che pur in secca è più basso dell’argine di poche decine di centimetri; le altre due riprendono i lavori in corso ed il sopralluogo del sindaco accompagnato dagli ingegneri Gandolfo e Simonini; l’ultima come sarà la sponda al termine dei lavori