CRONACA DAI PAESI 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   06/03/2019 00:00:02 

 

Viguzzolo. Potenziamento acquedotto

Approvato il progetto predisposto da Gestione Acqua per il potenziamento della rete di distribuzione dell’acquedotto in via I Maggio dal km 4+270 al km 4+650 per un costo di 41 mila euro.

 

Viguzzolo. Furto

Ladri hanno rubato in casa di Enrico Pertusi, posta in via Circonvallazione, rubando denaro contante e alcuni oggetti per un valore non precisato.

 

Pontecurone. Ladri in cascina

I malviventi sono penetrati all’interno della cascina Berutta, posta in strada Gerosa, approfittando della mancanza della proprietaria Luisella Belotti, in ferie. L’allarme è stato dato dai vicini.

 

Carezzano. Liquidazione ed incarico

Liquidati 3.172 euro all’architetto Mariano Santaniello per la redazione del regolamento edilizio ed affidato all’ingegner Guido Piasso l’incarico per la redazione del progetto definitivo relativo alla chiusura della discarica in località Selva per un onorario di 3.412 euro.

 

Carezzano. Affidamenti

Affidati alla Telecom i servizi di telefonia e fax per il 2019 per un costo di 4.602 euro; il servizio pulizia invece è stato affidato alla Esmeralda di Villalvernia per 2.340 euro; Enel Energia fornirà l’elettricità ed il riscaldamento per il palazzo comunale per un costo annuo di 10 mila euro mentre per l’illuminazione pubblica il costo sarà di 12 mila euro; infine Srt darà il servizio di smaltimento rifiuti per 37.400 euro.

 

Berzano. Progetto

La giunta ha approvato il progetto esecutivo per la sistemazione della frana a valle del cimitero per un costo di 225 mila euro.

 

 

A Mombisaggio cinque giorni con l’acqua non potabile. Ma non è così!

 

L’acqua di Mombisaggio è tornata potabile ed utilizzabile anche per scopi alimentari cinque giorni dopo che era stata dichiarata non usufruibile venerdì 22 scorso. Ma andiamo con ordine per scoprire cosa è accaduto. La vicenda si apre lunedì 18 febbraio quando i tecnici dell’Asl si recano alla frazione Mombisaggio, come accade periodicamente, per prelevare un campione di acqua dalla fontanella di piazza San Carlo, che è alimentata dall’acquedotto comunale. Le analisi vengono eseguite, si presume con celerità (perché in caso contrario a cosa serve analizzare campioni, nel caso fossero inquinati?) ma la comunicazione viene recapitata al comune venerdì 22, quattro giorni dopo. L’amministrazione si attiva immediatamente, emana l’ordinanza di divieto di utilizzo dell’acqua ed invia i vigili che, con megafono, avvertono la popolazione. Nella stessa giornata gli uomini di Gestione Acqua e di Acos gruppo emergenza si attivano, puliscono le vasche di raccolta ed eseguono un prelievo per svolgere autonomamente le analisi. Poco dopo le 14 di venerdì viene emesso da Acos un comunicato con il quale si dichiara che “dalle analisi effettuate i valori sono tornati nella normalità. Attendiamo riscontro ufficiale da parte degli enti competenti per la cessazione dell’ordinanza”. Si è in attesa cioè della certificazione dell’Asl, l’unico ente, infatti, che può decretare se l’acqua è potabile o meno. Asl che però venerdì e sabato (e tanto meno la domenica) non ha un dipendente reperibile per effettuare il prelievo e l’analisi. E così di giorno in giorno si giunge a lunedì 25 quando viene effettuato il prelievo di controllo ed al pomeriggio di martedì 26 quando finalmente arriva la certificazione e l’amministrazione può, a termine di legge, revocare l’ordinanza di divieto dell’uso dell’acqua. Tutto regolare, è vero, ma tutto surreale ed emblematico di come le cose, nel nostro beneamato Paese, non possono e non devono più continuare in questo modo ove a pagare è sempre pantalone, in questo caso la gente di Mombisaggio che è rimasta cinque giorni con il divieto dell’uso dell’acqua per scopi alimentari. Ultima chicca: pare che i prelievi dell’Asl nella nostra città avvengano sempre di lunedì: non a sorpresa, quindi.

 

 

Per gli studenti di Sale

Non solo compiti nel doposcuola

 

Questo il titolo del progetto che la scuola di Sale sta portando avanti con il supporto dei volontari dell’Aic che affiancano le tre insegnanti titolari. Grazie al contributo della Fondazione Crt e del comune, una ventina di bambini possono frequentare il doposcuola che offre momenti di potenziamento nello studio, di spensieratezza con l’istruttore di educazione motoria, di aggregazione, di letture condivise, di scoperta del territorio con le prossime uscite. Un gruppo di bambini si è divertito a colorare pazze mascherine che saranno esposte nella vetrina di via Roma gentilmente messa a disposizione della Tabaccheria Castellotti ed è pronto, domenica 3 marzo, a lanciare coriandoli e stelle filanti nella sfilata organizzata dagli amici della Festa dell’agricoltura.

 

Viguzzolo. Servizi a domanda individuale

 

La giunta ha predisposto la delibera per individuare i servizi a domanda individuale i cui costi saranno coperti dagli utenti per il 73%: soggiorni stagionali spese di 2.000 euro; corsi extrascolastici spesa di 20.300 entrata di 20 mila; mensa scolastica spesa di 95 mila entrata di 75 mila; peso pubblico spesa ed entrata di 1.500 euro, impianti sportivi spesa di 26 mila entrata di 9.500. La stessa delibera ha stabilito in 70 euro, compreso di buono pasto, la quota individuale settimanale per il centro estivo della primaria, che scenderà a 60  per più fratelli e salirà a 95 per i bambini non residenti; per i bimbi della scuola dell’infanzia la quota è di 50 euro senza buono pasto. Le tariffe per l’uso non scolastico della palestra sono: 40 euro per un numero fino a 50 ore; da 51 a 100 ore 35 euro, oltre le 100 ore 30 euro. Per un gruppo sportivo composto almeno dal 70% di residenti la tariffa è di 22 euro e di 16 per la palestra piccola. Infine la tariffa per la luce votiva scende da 12,50 a 9,37 euro.