LA PAGINA DI CASTELNUOVO SCRIVIA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   13/06/2018 00:00:08 

 

Cronaca da Castelnuovo Scrivia

 

Affidamenti

All’architetto Alberto Vaccario di Solonghello è stato affidato il collaudo tecnico amministrativo relativo ai lavori di ampliamento del cimitero, 5° reparto, 5° lotto, per un costo di 5.325 euro; l’architetto Sergio Casalegno di Torino, invece, per un onorario di 10.343 euro ha l’incarico del collaudo statico degli stessi lavori. Infine la manutenzione della videosorveglianza è stata affidata alla ditta 360 Positive srl per un costo di 2.781 euro.

 

Primo atto, moltissimi i partecipanti

“A passeggio con la salute”

 

Martedì sera si è tenuto il primo incontro serale della durata di un'ora circa con attività fisica svolta all'aperto. Promotori di questa iniziativa, che ha fatto registrare un autentico boom di partecipanti, sono la farmacia Incutti, il Gruppo Ambiente e l'osteopata e personal trainer castelnovese, Chiara Leva. A tutti è stato consegnato il "kit passeggiata", una guida con consigli pratici per affrontare in modo corretto le camminate semplici o sostenute, campioni omaggio ed una pratica borsa per il tempo libero. Il secondo appuntamento si terrà lunedì prossimo 11 giugno con ritrovo alle 19,45 presso il capannone "Cooperativa Fresche Terre di Scrivia" in strada per Tortona.

Per le iscrizioni, valide ai fini organizzativi e devolute poi in beneficenza, ci si può rivolgere direttamente alla farmacia Incutti (tel. 0131 826242). Al termine della passeggiata verrà organizzato un momento conviviale al "Dopolavoro" nel cortile di palazzo Centurione.

Helenio Pasquali

 

Bcc - Finali Nazionali Under 16 Le giraffine fanno un figurone

 

Umana Reyer Venezia-Pro Tech Bcc    67-38     San Raffaele Roma-Pro Tech Bcc        65-54

Futurosa Alma Trieste-Pro Tech Bcc    82-59     Geas Sesto S. Giov.-Pro Tech Bcc        98-39

Non ingannino i risultati del campo e le quattro sconfitte giunte in altrettante partite; la formazione di Balduzzi torna dalla bellissima esperienza di Costa Masnaga ed Alzate Brianza, sedi delle gare, a testa altissima avendo dimostrato di meritare ampiamente di far parte del gruppo che rappresentava le 16 migliori squadre U16 d’Italia. Unico rammarico l’assenza di capitan Repetto, fermata dalla febbre durante il girone eliminatorio ed in campo solo per pochi minuti negli ottavi di finale contro il Geas.

Ma nonostante l’handicap le giraffe hanno giocato senza paura e senza timori reverenziali contro avversarie di grande livello e che possono vantare ben altri bacini di utenza; contro la Reyer Venezia il Bcc ha fatto match pari praticamente per 30’, pagando poi la stanchezza nell’ultimo quarto. Ancora meglio contro il San Raffaele Roma (formazione dove ha militato per diverse stagioni la castelnovese Alessandra Tava) che poi sarebbe arrivato primo nel girone; seppur sempre costrette ad inseguire le giraffe sono state sempre in partita ed a 90” dalla sirena erano ancora a -3 ed anche contro il Futurosa Trieste l’incontro è stato comunque combattuto e si è deciso nei 10’ finali. Un’esperienza esaltante, anche per il contesto in cui si è sviluppata, e che ha rinforzato ancora di più la chimica di un gruppo che ha disputato un’annata a dir poco strepitosa; aldilà delle singole prestazioni delle giocatrici, tutte da accomunare in un grande applauso, non si possono tacere i grandi meriti di Franco Balduzzi che ha saputo trascinare e condurre da par suo queste bravissime ragazze. Il futuro è tutto vostro.       

PRO TECH BCC: Pacenza, Bernetti 13, Falabrini 10, Bassi 6, Quintiero 6, Ferrari 3, De Petris, Marchesotti A., Marchesotti M., Saggese, Pivano.

PRO TECH BCC: Ferrari, Marchesotti M., Pacenza, Pivano, De Petris, Marchesotti A., Bernetti 27, Saggese, Quintiero 15, Falabrini 9, Bassi 3. 

PRO TECH BCC: Pacenza 6, Bernetti 28, Falabrini 4, Bassi 7, Quintiero 12, Ferrari, De Petris, Marchesotti A., Pivano, Saggese, Marchesotti M. 2, Repetto.

PRO TECH BCC: Bernetti 19, Falabrini 5, Bassi 6, Pacenza 2, Quintiero 2, Ferrari, Marchesotti A., Marchesotti M., De Petris, Repetto 5, Saggese, Pivano.

 

Appello dal settore giovanile. “Ragazzi, tornate a giocare nella Castelnovese!”

 

Anche la stagione del calcio giovanile sta volgendo al termine e il bilancio in casa Castelnovese può essere sintetizzato in termini soddisfacenti pur con alcune criticità che necessitano un'analisi più approfondita. Facciamo il punto della situazione con Piero Catto, responsabile del settore giovanile. "Valutazione ampiamente positiva per quanto riguarda tutte le squadre che compongono il bacino della pre-agonistica: Esordienti, Pulcini 2002, Primi Calci 2009 e Piccoli Amici 2011 / ‘12 / ‘13. Tutti hanno ben figurato nei vari campionati di categoria così come nei tornei che si sono disputati nel corso della stagione. La nostra società investe molto sulle giovanili che rappresentano per noi un tassello fondamentale anche e soprattutto per la formazione e la crescita dei giovani che scelgono di praticare questo sport". Ma le note dolenti arrivano per quanto riguarda la squadra degli Allievi che la società si è trovata costretta a ritirare dal campionato. "Una vicenda che mi ha molto amareggiato - dice Catto - e per la quale sono pronto ad assumermene la responsabilità. Ci eravamo fortemente impegnati trovando un allenatore che arrivava da fuori e che ci avrebbe portato ben otto ragazzi ed insieme a chi se n'è andato si sarebbe riusciti a formare una bella squadra, competitiva e che avrebbe sicuramente prodotto risultati soddisfacenti. Così non è stato e ci siamo trovati impossibilitati a coprire questa categoria con conseguenze anche per il prossimo anno perché, stando così le cose, non riusciremo a fare la squadra". Di qui l'accorato appello del responsabile del settore giovanile della Castelnovese affinché si riesca a trovare una via di uscita che al momento appare abbastanza lontana: "Ci rivolgiamo a tutti i ragazzi che giocano lontano da Castelnuovo invitandoli a tornare a casa dove troveranno una società pronta ad accoglierli a braccia aperte. D'altronde da noi sanno di poter contare su ottime strutture, organizzazione, esperienza e un ambiente che, con l'impegno e la passione, cerchiamo di rendere familiare e vicino alle esigenze di tutti. Tornate a giocare a casa per valorizzare e far crescere sempre più il calcio castelnovese".

Nelle prossime settimane sapremo se questo appello verrà raccolto; sarà magari opportuno un confronto per verificare l'effettiva entità di questo strappo cercando di capire perché si è arrivati all’attuale situazione ed individuare i possibili margini di trattativa.

Helenio Pasquali