TARGA RUBATA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   10/04/2019 00:00:11 

 

Riceviamo e pubblichiamo

 

Caro direttore

Le chiediamo un po’ di spazio nel suo giornale per rivolgerci a quel soggetto che ha volontariamente rubato la targhetta commemorativa dalla panchina colorata che abbiamo restaurato l’anno scorso in memoria della nostra carissima amica Maria Teresa.

"Se avessimo scritto queste poche righe nel momento esatto in cui ci siamo accorte di quanto successo, sicuramente saremmo state poco eleganti. Ci sono state imprecazioni, maledizioni e quant’altro, ma poi abbiamo provato quasi un sentimento di pena nei tuoi confronti, sostanzialmente per due motivi: il primo è che sei un campione di pochezza, sia d’ingegno che di animo, per non capire quanto possa essere sgradevole un tale scempio; il secondo è che sei un campione di dabbenaggine per non capire quanto possa essere imprudente far innervosire quattro amiche cinquantenni caparbie e ostinate. Vorremmo che ti fosse chiaro un fatto: faremo preparare subito un’altra targhetta, questo è sicuro, e se disgraziatamente avessi voglia di ripeterti nel tuo gesto o se altri pensassero di seguire il tuo esempio, noi ne metteremo un’altra e un’altra ancora fino a quando non avrai capito che non si calpestano i sentimenti e i ricordi delle persone". La ringraziamo per averci permesso di esprimere il nostro pensiero.

Bruna, Tiziana, Ombretta e Lucilla