IL DIFFICILE RAPPORTO DI TORTONA CON LA MUSICA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   18/07/2018 00:00:14 

 

 

Rumorosa, troppa, inopportuna, divertente: le varie opinioni

 

C’è uno strano rapporto tra Tortona e la musica fuori orario. Due domeniche fa in molti si sono lamentati perché fino ad oltre l’una dallo Chalet si sentiva musica a tutto volume: nessuno pare sia intervenuto. Venerdì mattina alle 5,30 è partita la corsa da piazza Duomo, che ha visto impegnati circa  450 appassionati. In questo caso la musica, non eccessivamente alta per la verità, è stata sentita come un disturbo da decine e decine di abitanti il centro storico, in quanto a quell’ora solitamente silenziosa e con le finestre aperte per il caldo qualsiasi rumore avrebbe urtato la sensibilità di molti. Ed in effetti sono intervenuti i carabinieri a far spegnere, ci pare giustamente, l’impianto: si può correre e divertirsi anche senza musica, soprattutto alle 5,30 di una giornata lavorativa in piazza Duomo! Venerdì sera si è svolta la serata pro Anffas allo Chalet Castello: pienone di pubblico ed autorizzazione a suonare fino alle 0,30. A mezzanotte i vigili si sono presentati a far spegnere luci ed impianto. Nel frattempo il cambio di gestione dell’area de La Lucciola in via XX Settembre ha già sollevato proteste: la musica d’opera suonata ad alto volume durante il giorno sembra dare fastidio ai residenti ed ai bambini che frequentano l’area verde.

Insomma ci pare proprio che in città sia difficile trovare il giusto rapporto tra musica, divertimento e doveroso riposo.