AGGREDÌ GLI AVVENTORI DEL BAR IDEAL: IN CARCERE 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   01/05/2019 00:00:10 

 

I fatti avvennero il 14 febbraio 2013

 

Era la tarda serata del 14 febbraio 2013 e dinnanzi alla stazione ferroviaria era aperto il Bar Ideal, frequentato in quel momento da tantissimi clienti. L’allora 25enne marocchino Ismail Chahbouni, in preda ai fumi dell’alcool, diede in escandescenze e, aiutato da un complice ed armato con il collo rotto di una bottiglia di birra, cercò di colpire tre avventori del bar, tutti tortonesi ed un quarto, noto imprenditore di Carbonara Scrivia che dovette consegnare ai due magrebini il portafoglio con le carte di credito e documenti vari. I quattro avventori subirono lesioni giudicate guaribili in pochi giorni dai sanitari dell’ospedale civile. I carabinieri, giunti prontamente sul posto, riuscivano a bloccare Chahbouni mentre il complice riusciva a fuggire. Nell’abitazione dell’arrestato erano poi recuperati anche 47 grammi di marijuana, il che ha portato all’arresto della convivente Gianna Giacoma Piazza. Il nordafricano era stato poi condannato a 2 anni e 7 mesi di carcere ed attualmente si trovava in libertà vigilata a Novi Ligure. Nei giorni scorsi la condanna è divenuta definitiva e l’uomo è stato associato alle carceri alessandrine.