CHIAMPARINO IN CITT└ PER ANNUNCIARE IL FINANZIAMENTO DELLA RIABILITAZIONE 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   08/05/2019 00:00:16 

 

Tortona si è dimostrata, per fortuna, ancora corretta e democratica: all’arrivo del governatore Chiamparino, e poi dell’assessore alla sanità Saitta, uno striscione “Tortona non dimentica” ed una trentina di attivisti e candidati consiglieri del centrodestra lo hanno accolto. Il presidente della Regione, da navigato politico, non si è sottratto al dialogo, intrattenendosi a lungo a colloquiare con i contestatori, spiegando le ragioni delle scelte della sua giunta. Al secondo piano della struttura ospedaliera, poi, dopo le parole di saluto del direttore generale Brambilla, è stato illustrato il progetto per portare la riabilitazione di II livello con 20 posti letto in città: 1,32 milioni sono stati stanziati per adeguare la struttura, 1,375 milioni per attrezzature ed arredi, 795 mila euro per progettazioni ed oneri vari. Importantissima anche l’altra comunicazione: entro fine giugno sarà indetta la gara europea per l’assegnazione dei lavori, entro fine anno sarà aggiudicata la gara ed entro febbraio 2020 inizieranno i lavori: nulla, però, è stato detto sull’ultimazione. Il reparto tortonese, quando sarà aperto, avrà competenza su tutto il territorio del Tortonese e del Novese ed è a supporto dell’ortopedia che nei primi due mesi dell’anno ha visto aumentare il numero dei ricoveri del 40% (+56% se si guarda al fatturato) mentre il numero dei ricoveri per impianto di protesi agli arti inferiori è aumentato del 67%, ovvero 14 casi in più del precedente anno. Brambilla e il primario Giancarlo Rovere hanno poi illustrato come sarà il nuovo reparto, quali cure potrà prestare e con quale attrezzatura. Indubbiamente un passo in avanti notevole, che illustreremo con ulteriori dettagli la prossima settimana.

In foto: il governatore Chiamparino a colloquio con i tortonesi che lo contestavano e lo striscione di protesta esposto