TRE ANNI DI RECLUSIONE PER LA TENTATA VIOLENZA SESSUALE ALL’ALFA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   10/07/2019 00:00:18 

 

L’amico a processo il 24 luglio

 

Riuscì a scappare la 25enne tortonese che la mattina del 28 dicembre 2018 nel deposito dell’Alfa venne assalita da due uomini che tentarono di violentarla. I due in questione, i 34enni Ilie Benzar e Cristi Florin Barbu, entrambi romeni e abitanti in città, vennero rintracciati poco dopo il fatto ed accusati di rapina di cellulare e tentata violenza sessuale. Per questi reati nei giorni scorsi Benzar è stato condannato a tre anni di reclusione e a cinque anni d’interdizione dai pubblici uffici e alla ragazza, costituitasi parte civile, sono stati riconosciuti 20 mila euro di provvisionale. L’uomo, difeso dall’avv. Alexia Cellerino, ha scelto il rito abbreviato che gli ha permesso di beneficiare dello sconto di un terzo della pena. Il processo, con rito ordinario, proseguirà il 24 luglio a carico di Cristi Florin Barbu. Quella mattina la 25enne, in attesa della madre che era andata per commissioni, mentre era nel parcheggio della piscina all’imbocco di via Bengasi, venne avvicinata dai due uomini con la scusa di accendere una sigaretta. I due però passarono presto ai fatti. La trascinarono a forza all’interno di un deposito in disuso dell’Alfa, zona abbandonata ed abitata solamente da balordi, senzatetto e spacciatori e, dopo averle rubato il cellulare, tentarono di violentarla. La zona è molto isolata e nessuno sentì le urla mentre i due le scoprivano il seno ma senza riuscire a sfilarle i jeans. Divincolandosi la donna riusciva a fuggire e a raggiungere la stazione da cui chiamò i carabinieri. Dalla descrizione fatta dalla vittima i militi risalgono a Barbu, si mettono sulle sue tracce, ma l’uomo è furbo e non esce di casa. I carabinieri del nucleo operativo però trovano un suo amico, Benzar, lo seguono a casa ove trovano anche Barbu che si era già cambiato gli abiti e, dopo aver recuperato anche il cellulare della ragazza, li arrestano entrambi.