PONTECURONE - AUTO BRUCIATE NEL 2013 E 2014: CONTINUA IL PROCESSO 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   24/07/2019 00:00:03 

 

Dinnanzi alla giudice Maccari si è svolta un’altra udienza del processo per gli incendi di autovetture, verificatisi a Pontecurone dall’ottobre del 2013 ai primi mesi del 2014, che proseguirà il 25 luglio prossimo. Dal processo uscirono di scena a settembre del 2016, dopo aver richiesto il rito abbreviato o il patteggiamento, Christina Pierro, 47 anni, ritenuta la capobanda, condannata a 3 anni e 6 mesi, il figlio Carlo Spada di 24, che ha patteggiato una pena di 2 anni e 6 mesi con la condizionale e Giuseppe Corbo, tortonese di 35 anni, condannato a 3 anni perché ritenuto l’istigatore dell’incendio del 9 ottobre 2013 della Punto di Claudio Boellis parcheggiata in via Tortona. Sono rimasti a processo i pontecuronesi Massimo Ursomarso di 40 anni, Elvis Bernini di 37 e Caterina Arilotta di 39 anni da Casei Gerola. Ursomarso e Arilotta devono rispondere di aver bruciato il 14 ottobre del 2013, assieme alla Pierro e a Spada, due auto (una Clio ed una Scenic) parcheggiate in via Berlinguer. Bernini deve invece rispondere di tentato furto ai danni di un ingegnere di Casasco, furto sventato dai carabinieri grazie alle intercettazioni telefoniche.