A PROPOSITO DI CASE POPOLARI 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   27/11/2019 00:00:14 

 

Nuova convenzione fra comune di Tortona e Atc

 

La giunta ha approvato la nuova convenzione con Atc Piemonte Sud per la gestione e amministrazione di immobili di edilizia sociale. La convenzione, che durerà 10 anni, è stata rinnovata dopo una complessa trattativa per aggiornare i termini rispetto al passato, in particolare per individuare con precisione responsabilità, adempimenti ed impegni dei due enti per quanto riguarda gli interventi di manutenzione. Tecnicamente, la vecchia convenzione stipulata nel 1987 con durata trentennale era scaduta nel 2017 e non ancora rinnovata, anche se negli ultimi due anni Atc aveva continuato a gestire gli immobili "in parola". Nella nuova convenzione quindi, all'Atc viene delegata la manutenzione ordinaria degli immobili, cioè spetteranno all'azienda tutti gli interventi di: ripristino murature esterne e rivestimenti; ripristino tramezzature interne e rivestimenti; ripristino coperture e accessori come lattonerie, faldali, pluviali ed impermeabilizzazioni; ripristino intonaci interni ed esterni; ripristino pavimenti, sottofondi e sistemazione aree esterne; rimozione serramenti pericolanti; manutenzione serramenti interni ed esterni; opere di ripristino di superfici in seguito a lavori; riparazioni di impianti idrici, reti di scarico; sostituzione sanitari e accessori per bagni e cucine se vetusti o danneggiati; sostituzione contatori se difettosi; spurgo e smaltimento reflui; opere da elettricista per riparazione parziale degli impianti; manutenzione ascensori con controlli periodici; prima accensione degli impianti di riscaldamento e manutenzione impianti; conduzione ed incarichi a ditte qualificate per gli impianti di riscaldamento centralizzati, compresa la manutenzione periodica delle centrali termiche; sgombero dei locali. Al comune spetta invece la manutenzione straordinaria con programmi triennali di interventi concordati fra le parti entro il 30 settembre di ogni anno. I lavori di manutenzione straordinaria urgenti dovuti ad eventi eccezionali saranno effettuati da Atc e rimborsati dal comune che dovrà però dare prima l'assenso alla loro esecuzione.

 

Dalla Fondazione 40 mila €

 

La Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona ha deliberato lo stanziamento di 40 mila euro come contributo per la sistemazione e il risanamento degli impianti nelle case popolari di proprietà comunale. Lo stanziamento consentirà di effettuare lavori di sostituzione delle caldaie, rifacimento di canne fumarie, riparazione ascensori, opere murarie e manutenzione straordinaria delle lattonerie nell’edificio in via Campanella. “Ringraziamo la Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona - dice il sindaco Federico Chiodi - che, ancora una volta, dimostra grande attenzione alle esigenze dei tortonesi. Il contributo servirà a garantire una soluzione concreta a diversi disagi che i residenti delle case popolari lamentano, in alcuni casi, da tempo, restituendo decoro e funzionalità agli alloggi”.

 

L’ascensore in via Legnano non funziona da 21 mesi

 

Un esempio di quanto sia urgente per le case Atc un protocollo di gestione chiaro ed efficace per le case popolari è quello dell’ascensore della scala C di via Legnano, alla ex caserma Passalacqua, guasto da ben 21 mesi. Nella scala abitano invalidi ed anziani per i quali l’ascensore funzionante è indispensabile e da 21 mesi ad oggi stanno subendo un grave disagio. E’ auspicabile che con la nuova convenzione stipulata dal comune in questi giorni con l’Atc questo grave problema, come i tanti che affliggono tuttora le case popolari, venga risolto.