PRESENTATO DAL SINDACO CHIODI IL PROGETTO PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   23/12/2019 00:00:19 

 

Giovedì 12 nel tardo pomeriggio in commissione ambiente il sindaco Chiodi ha presentato il progetto per la raccolta rifiuti che dovrebbe partire dal prossimo primo aprile. Si tratta di due sistemi, “calibrati” a seconda della zona cittadina. Meglio tre, perché già a gennaio inizierà la raccolta per le zone industriali ove inizierà la internalizzazione dei contenitori. Per le utenze domestiche, invece, la scadenza rimane invariata ad aprile e si articolerà su due sistemi. Per le aree del concentrico e periferiche, ove già attualmente e da anni si fa una raccolta differenziata interna con i bidoni per indifferenziato ed umido, si procederà con contenitori internalizzati per il secco non riciclabile, ovvero per l’indifferenziato, con coperchio grigio, per carta e cartone con coperchio giallo e dotato di dispositivo elettronico, plastica e lattine con sacco dotato di dispositivo di riconoscimento, per l’umido contenitore da posizionare in casa da 10 litri ed uno per esterno così come avviene già ora. A domanda si potrà avere anche il contenitore del verde, a pagamento in base agli svuotamenti. Per il centro storico vi saranno contenitori stradali per l’indifferenziato, con calotta volumetrica che si aprirà mediante una tessera personale, per carta e cartone, plastica e lattine e umido con contenitori stradali con accesso controllato da tessera personale.  L’amministrazione sta cercando di posizionare queste aree ecologiche in modo da poterle schermare in modo che non si notino molto. L’ideale sarebbe utilizzare i contenitori interrati, come in via San Giovanni Bosco e in via Sacro Cuore angolo via Togliatti, anche perché l’attuale tecnologia, a differenza di quella precedente, non prevede il sollevamento dei bidoni, ma l’aspirazione direttamente nel camion. Il sindaco ha garantito, però, che subito dopo le feste inizieranno gli incontri con i cittadini per discutere le varie opzioni che prevedono solo contenitori condominiali, oppure condominiali e misti o addirittura un kit standard da 120 litri per ogni utenza domestica. In commissione si è poi discusso di due ampliamenti industriali: l’Eco Group srl che ha chiesto la trasformazione da area agricola A3 in industriale I14, posizionata lungo la provinciale per Villaromagnano, e l’Automarocchi che chiede la variazione di destinazione urbanistica di un’area in zona agricola A2, lungo la ex statale per Sale, per permettere l’ampliamento del parcheggio.