LA PAGINA FLASH DI SETTE GIORNI 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   22/05/2020 09:15:00 

 

Il primo cittadino risponde al commissario Asl Galante

Il sindaco Chiodi: “Da giugno. ritornare al vecchio ospedale”

Ora i posti letto occupati sono meno della metà. Tutti gli altri nosocomi della provincia hanno già la doppia funzione Covid e non-Covid

 

Caro Direttore,

ho letto con piacere sul suo settimanale l’interessante intervista rilasciata dal Commissario dell’Asl Al, Valter Galante, e ritengo che l’articolo consenta innanzitutto di fugare alcune paure riguardanti il futuro dell’ospedale di Tortona, riportate anche sul suo giornale la settimana precedente: in particolare sappiamo ora con certezza che l’obiettivo dell’Asl Al è quello di riconvertire la struttura riportando tutti i reparti precedentemente presenti, con il ritorno dei primari già in servizio prima dell’emergenza Covid-19, oltre a completare il progetto per il nuovo reparto di Riabilitazione. Quello che il Commissario Galante non poteva ancora sapere al momento dell’intervista è che nell’ultima settimana la gestione dell’emergenza sanitaria nella nostra città ha visto uno sviluppo rapidissimo. Fortunatamente i casi gravi che richiedono il ricovero ospedaliero sono calati drasticamente, ci sono state numerose guarigioni e dimissioni, e il nostro ospedale, che dispone di ben 130 posti letto per la cura del Covid-19, attualmente ospita solo una quarantina di malati. E’ sicuramente una situazione molto confortante, ma ritengo che mantenere una struttura del genere così vuota possa rappresentare un rischio, soprattutto perché la presenza di tanto personale potrebbe risultare immotivata a livello organizzativo e si rischierebbe che venisse ricollocato altrove…

© riproduzione riservata

 

 

Si risveglia seminuda a letto e chiama i carabinieri: “Mi hanno violentata”

Dopo una festa privata tra giovani

 

Un brutto episodio, dai contorni ancora un poco oscuri e sul quale stanno indagando i carabinieri del paese, è avvenuto nella notte tra sabato e domenica scorsa, 16 e 17 maggio, nei locali, chiusi al pubblico, del ristorante Camac sito sulla provinciale per Novi Ligure. L’affittuario del locale, un romeno, ha organizzato per quella sera una festa tra amici, vietata per legge, tutti connazionali abitanti nel Tortonese, finita con laute bevute. Alla mattina una giovane ragazza si è risvegliata, senza ricordare più nulla, seminuda su un letto ed ha avvertito i carabinieri temendo di aver subito violenza. I militari hanno immediatamente avviato il protocollo rosa e la giovane è stata accompagnata in ospedale in Alessandria…

© riproduzione riservata

 

 

Intervista al direttore generale del Policlinico di Monza Giancarlo Perla

Declino o rinascita dell’ospedale? Dopo l’emergenza nulla sarà come prima

“Il ritorno alla normalità dovrà essere l’occasione per realizzare un centro di eccellenza della sanità piemontese, Tortona ora lo merita”

 

La settimana scorsa il commissario dell’Asl di Alessandria ci ha concesso una lunga intervista sul futuro del nostro ospedale. Oggi parliamo con il dottor Giancarlo Perla direttore generale del Policlinico di Monza che prima dell’emergenza Covid aveva manifestato l’interesse del suo gruppo verso l’ospedale di Tortona.

Prima di tutto come sta? Lei ha attivato tre Hospital Covid in Piemonte e lavora da due mesi in strutture che ricoverano esclusivamente pazienti contagiati. Ha avuto paura? 

Tutti abbiamo paura ma dobbiamo dominarla. Abbiamo imparato a muoverci con prudenza proprio perché consapevoli di correre qualche rischio. Ho continuato a spostarmi ogni giorno per controllare “da dentro” il funzionamento delle nostre strutture ma il momento più bello è quando alla sera torno a Tortona. Vuol sapere se ho contratto il virus? Ebbene no, o il mio sistema immunitario è perfetto o le misure di protezione sono state efficaci, o forse le due cose insieme.

Prima che scoppiasse l’emergenza Covid lei aveva espresso la disponibilità a gestire il nostro ospedale. Ora il direttore dell’Asl ha dichiarato che, se il privato avanzerà proposte serie, la Regione e l’Asl le prenderanno in considerazione. Siete sempre intenzionati a rilevare l’ospedale?…

© riproduzione riservata

 

 

Non basta il coraggio

 

“Il coraggio, uno, se non ce l’ha, mica se lo può dare”. Una frase celeberrima che ci ricorda don Abbondio e la sua paura dei bravi, frase che il prete dice fra sè e sè dopo l’incontro con il cardinale Borromeo. Crediamo sia questa la frase giusta per illustrare la settimana che sta per concludersi e quella che si presenta dinnanzi. Con la riapertura dei negozi e di quasi tutte le attività economiche Tortona deve ritornare a vivere, e piano piano a prosperare. Ma per far questo occorre avere coraggio. Coraggio da parte dei commercianti e degli imprenditori che devono rimboccarsi le maniche e pensare “in grande” ad un futuro migliore. Coraggio da parte dei cittadini che devono comprendere che occorre comprare in città, che non bisogna spendere denaro fuori dalla cerchia muraria della nostra amata Tortona, anche con qualche sacrificio…

Il direttore

 

 

Variante al Prg e miasmi discussi in commissione

 

Lunedì 18 si è svolta una riunione della commissione ambiente ed urbanistica con un ricco ordine del giorno. Il primo argomento era la presentazione dell’Osservatorio ambientale, che il dottor Lenti, primario di chirurgia e presidente dell’Osservatorio, ha illustrato ricordando le iniziative da attuare che, purtroppo, hanno avuto un rallentamento a causa dell’emergenza sanitaria. Di ciò scriviamo in altra parte del giornale. Si è poi discusso sulla presa in carico delle opere di urbanizzazione primaria derivanti dal Pec in zona I2 lungo la provinciale per Castelnuovo Scrivia: il costo complessivo di queste opere è aumentato da 777 mila a 827 mila euro, a causa del protrarsi dei lavori, senza per altro incidere sulle finanze comunali. E’ stato poi affrontato il caso della trasformazione del servizio urbanistico, una ristrutturazione dell’organizzazione interna degli uffici che porterà alla nomina di una posizione organizzativa. Le minoranze hanno sollevato alcune perplessità, soprattutto perchè le firme sui documenti più importanti saranno apposte dal segretario comunale, e non più da un tecnico del settore. Perplessità sono state sollevate anche sui criteri di scelta della nuova posizione organizzativa…

 

 

In consiglio comunale si è discusso di Covid

 

Il consiglio comunale di martedì sera poteva essere un momento importante nella vita politico amministrativa della città. E’ stata sostanzialmente una occasione persa. Si inizia, dopo il doveroso minuto di silenzio dedicato al vice comandante della polizia municipale Gastaldo (ma forse era meglio dire a tutti i tortonesi deceduti per Covid), con la trattazione del documento presentato dalla minoranza con la quale si chiedeva la convocazione del consiglio comunale. Il sindaco ha articolato un lungo discorso, per rispondere ai quesiti presentati respingendo qualsiasi accusa, velata o meno, di non aver agito tempestivamente all’insorgere dell’epidemia. Accusa sdegnosamente e giustamente respinta dal primo cittadino, soprattutto quella sullo svolgimento del carnevale domenica 23 quando già si parlava di Covid. Del resto, il giorno prima, ne siamo diretti testimoni, a Casale c’erano migliaia di persone per le vie proprio per festeggiare il Carnevale. Puntuale poi la risposta, per quanto è possibile, sui dati dei decessi, sia in totale che nelle residenze sanitarie per anziani, sia per quanto riguarda l’emergenza venutasi a creare, purtroppo, al comando della polizia municipale…

 

 

Comprare nei negozi di vicinato per risollevare l’economia

 

Alcune immagini dell’ultimo fine settimana ove erano, teoricamente, vietate moltissime attività e ove i locali pubblici erano aperti solo per l’asporto. Tanta gente, ma abbastanza ligia alle regole basilari vigenti in questo periodo di pandemia (soprattutto la mascherina che ormai indossano quasi tutti) ed un poco di animazione e di vita in una città che per oltre due mesi appariva spettrale. Ma c’è ancora molto da fare perché si possa ritornare ai livelli di a. C-19, che del resto non erano nemmeno molto floridi. Lo si è notato questa settimana con molti negozi che non hanno riaperto, con molti bar che hanno continuato a rimanere chiusi tutto il giorno o,  soprattutto, nel pomeriggio. Noi abbiamo girato per la città in questi giorni, abbiamo sentito i commercianti che hanno riaperto, vogliosi di ricominciare ma timorosi di andare “a sbattere” come ci ha detto più di uno, perchè la batosta economica e psicologica è stata tale che non sarà facile, né immediato, riprendersi…

 

 

Si raccoglie il plasma presso l’Asl

Per donare contattare lo 0131-865503

 

In Piemonte è stata avviata la raccolta del plasma per la cura dei pazienti affetti da Coronavirus con il Protocollo di ricerca sull'efficacia del plasma nella cura dei pazienti Covid-19 con insufficienza respiratoria. Il protocollo è stato approvato dal Centro Nazionale Sangue ed è finanziato dalla Regione. Sono 16 i Centri che compongono la Banca Regionale del Plasma Covid-19 a cui sarà possibile rivolgersi per donare. I pazienti inizieranno ad essere trattati nei primi giorni di giugno, appena sarà disponibile una scorta di plasma sufficiente. I donatori saranno selezionati tra coloro che hanno sviluppato un’elevata concentrazione di anticorpi contro SARS-Cov-2, ed i principali criteri per avere l’idoneità alla donazione sono i seguenti: • soggetti con diagnosi di Covid-19 documentata; • risoluzione completa dei sintomi o interruzione di eventuale terapia almeno 14 giorni prima della donazione; • negatività del tampone nasofaringeo su due campioni ad almeno 24 ore di distanza dopo 14 giorni dalla risoluzione clinica; • età inferiore a 65 anni, se già donatori di sangue (inferiore a 60 anni per coloro che non hanno mai donato) e peso superiore a 50 kg; • se maschi, assenza nella storia personale di trasfusioni di sangue; se femmine, assenza di precedenti gravidanze o interruzioni di gravidanza, oltre che di trasfusioni. I candidati donatori dovranno mettersi in contatto con il Servizio Trasfusionale a loro più congeniale, per residenza o posto di lavoro, allo scopo di venire prenotati per l'esecuzione degli esami preliminari alla donazione di plasma. Tra i centri incaricati alla raccolta di plasma vi è l’Asl di Tortona: occorre contattare il numero 0131865503 oppure l’Asl Alessandria allo 0131206417.

 

 

Salta AssaggiaTortona ma si può andare dai produttori

Quest’anno sarebbe stata la 25ª edizione

 

L’ultimo weekend di maggio per Tortona è associato ad “AssaggiaTortona e dintorni”, l’annuale appuntamento con le prelibatezze ed eccellenze del Tortonese. Questo straordinario incontro di gusti, sapori e profumi, purtroppo, nel 2020 non si farà. La pandemia ha colpito anche la storica manifestazione dedicata al nostro territorio ed ai suoi prodotti, in occasione della sua 25ª edizione. Ebbene sì, 25 anni di un evento che ha vissuto alti e bassi, periodi molto fortunati ed altri un po’ meno ma, anche nei momenti “giù”, nessuno degli enti promotori, produttori, vignaioli, ecc. si è mai arreso, ha sempre lavorato cercando di far crescere la manifestazione. E ci sono riusciti, grazie ad un territorio che vanta prodotti ottimi e produttori eccezionali. I vignaioli che, tutelando il patrimonio ampelografico, producono grandi vini (il Derthona Timorasso in primis) che raccontano la storia della nostra zona, perché nei vini si trova l’essenza di un territorio…

 

 

Bertram Derthona in A2 con un budget ridotto

Il CDA approva il bilancio. Accordi con i giocatori per rimodulare i contratti

 

Il Consiglio di Amministrazione del Derthona Basket si è riunito sabato scorso 16 maggio e nell’occasione il CDA ha approvato la situazione finanziaria del Club al 31 marzo 2020 che risulta in equilibrio nonostante la contrazione delle principali fonti di ricavo (biglietteria e sponsorizzazioni) conseguente alle misure di lockdown. Sono state presentate all’Assemblea dall’AD Picchi le proposte di nuovi accordi con i tesserati sotto contratto per la stagione 2020/2021, rimodulati alla luce delle mutate condizioni economiche che porteranno il Club ad una sensibile riduzione del budget per la prossima stagione sportiva.  Il CDA ha poi deliberato di procedere all’iscrizione alla Serie A2 entro la scadenza fissata per il 31 luglio 2020, fissando i primi obiettivi grazie all’intervento del dott. Beniamino Gavio, in rappresentanza del main sponsor Bertram Yachts…

 

 

Calcio - Stop ufficiale ai dilettanti

Assessore Ricca: “Da lunedì il bando da 4 milioni”

 

Iniziano a diradarsi le nubi che incombevano sul calcio dalle categorie dei professionisti fino ai dilettanti. Mentre per i professionisti sono state decise date e metodi per la ripresa dei campionati, nel consiglio federale che si è tenuto nella giornata di mercoledì a Roma per quanto riguarda i dilettanti è stato sostanzialmente ribadito e ufficializzato quanto era già sta stato annunciato in precedenza ossia che il calcio dilettantistico si fermerà e per quanto riguarda promozioni e retrocessioni le decisioni saranno prese nel prossimo Consiglio Federale. Al Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, che si terrà il 22 maggio (con il giornale in edicola) spetterà invece il compito di formulare delle proposte al riguardo da presentare poi al Consiglio della FIGC…

 

 

ll resto delle notizie le potete trovare su "Sette Giorni" attualmente in edicola o sul nostro sito a partire da mercoledì 27