LA PAGINA DI CASTELNUOVO SCRIVIA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   03/06/2020 00:00:01 

 

Girani: “i conti del comune sono soddisfacenti, più di 1 milione a disposizione per l’anno in corso”

 

Dopo l’approvazione da parte della giunta del conto consuntivo 2019 abbiamo avvicinato l'assessore al bilancio, nonchè vice-sindaco, Gianni Girani per fare il punto della situazione, soprattutto riguardo a investimenti ed opere realizzate. "Dalla relazione illustrativa presentata dal rag. Claudio Guida, quale responsabile finanziario ed approvata in giunta lo scorso 18 maggio, ora da portare all'approvazione del consiglio comunale, si conferma, ancora una volta, il buon esito dei risultati conseguiti sia nella competenza che nei residui. Posso confermare - prosegue Girani - il raggiungimento nel corso del 2019 degli obiettivi prefissati: confermata la riduzione complessiva dei mutui, in linea con le scelte operate nei precedenti esercizi, il fondo cassa a fine 2019 è di 1.284.050 euro in aumento rispetto all'inizio dell'anno e permette di non ricorrere ad anticipazioni, nessuna spesa di rappresentanza e rispetto dei parametri per incarichi di collaborazione autonoma ed infine la lotta all'evasione ha permesso di accertare la somma di 308.757 euro così ripartita in 200.000 euro per l'Imu e 108.757 euro per la Tari. Il 2019 ha potuto chiudere con un avanzo di amministrazione pari a 1.733.979 euro e la composizione di questo risultato è così articolato e parzialmente vincolato: devono infatti essere accantonati 550.672 euro a garanzia del fondo crediti dubbia esigibilità e sono altresì vincolati  69.924 euro per la contrazione mutui. Si potrà, invece, disporre nell'anno in corso di 307.473 euro per investimenti in conto capitale, mentre altri 801.026 euro sono fondi liberi e disponibili. Sul versante degli investimenti, molti lavori sono terminati nel corso del 2019 come la sistemazione del campo di bocce, il nuovo campo di basket esterno all'attuale struttura presso la scuola media, l'antincendio a palazzo Centurione, il pozzo in area Crespi al fine di irrigare il campo di calcio prelevando l'acqua direttamente dal sottosuolo, la progettazione dei lavori di ristrutturazione delle scuole, il nuovo server per la gestione elettronica dell'attività degli uffici municipali. Sono invece deliberate, finanziate e/o avviate nel 2019, ma passate a quest'anno altre opere che, come da norma di legge, confluiscono nel fondo pluriennale vincolato che è un fondo appositamente creato per risorse già accertate e destinate alla copertura di spese imputate in esercizi successivi. "Esse ammontano - prosegue l'assessore Girani - per la sola parte di capitale, a 2.447.846 euro. In sostanza sono confluiti i finanziamenti per i lavori di consolidamento antisismico delle scuole, per la progressiva trasformazione dell'illuminazione pubblica dotandola di luci a led, per gli interventi urgenti di manutenzione del territorio per danni alluvionali verificatisi verso la fine dell'anno, per l'acquisto di un autocarro per il settore lavori pubblici e di un pick-up per la Protezione Civile, per l'acquisto di un montaferetri per il cimitero. Inoltre sono stati effettuati nel 2019 ulteriori opere di asfaltatura in alcune vie del paese ed altri interventi verranno programmati nel corso dell'anno. L'analisi di questi risultati - conclude l'assessore al bilancio - conferma una buona situazione finanziaria, di rispetto degli equilibri che permette di sviluppare i numerosi investimenti in corso e di affrontare le spese per il mantenimento dei servizi pubblici gestiti dall'amministrazione".

    Helenio Pasquali

 

Definito accordo con il laboratorio Lam

L’Unione Bassa Valle Scrivia avvia i test sierologici per i cittadini

Sono a pagamento e su base volontaria, occorre iscriversi in comune

 

I cittadini residenti nei comuni dell’Unione Bassa Valle Scrivia, Castelnuovo Scrivia, Alzano Scrivia e Guazzora, potranno avere una particolare agevolazione per l’effettuare i test sierologici. L’Unione ha raggiunto un accordo con il Laboratorio Lam di Voghera per l’effettuazione dei test sierologici per la determinazione di anticorpi anti Sars-CoV-2 da prelievo su sangue venoso. Il test è su base volontaria ed a pagamento. L’accordo consente di ottenere la prestazione, che sarà svolta presso la sede di Voghera, a un prezzo di favore fissato in 40 euro. Per la particolarità del servizio a prezzo concordato occorre iscriversi inviando una mail completa di nome, cognome, codice fiscale e numero di telefono all’indirizzo: segreteria@comune.castelnuovoscrivia.al.it oppure telefonare al numero 0131826125 interno 3 segreteria fornendo gli stessi dati. Il test consiste in un prelievo di sangue venoso periferico (non “pungidito”) effettuato presso il Laboratorio Lam di Voghera in via Garibaldi, 107. Sarà il laboratorio, una volta ricevuto l’elenco dall’Unione, a organizzare i prelievi telefonando a chi ha richiesto la prestazione e concordando giorno e ora. Sulla base dell’attuale disposizione regionale il laboratorio, in caso di positività, comunicherà al medico di medicina generale i risultati delle analisi. Quest’ultimo trarrà le proprie determinazioni in merito all’effettuazione di un successivo esame (tampone faringeo) in accordo con l’Asl qualora ritenesse il risultato indicatore di un contagio in atto, ovvero il valore di uno dei due anticorpi fosse positivo, con la messa in quarantena della persona.

 

Doppio intervento di Gestione Acqua

 

Venerdì sera è stata registrata una rilevante perdita di acqua in via Marconi, in prossimità con l'incrocio di via Garibaldi. Buona parte del paese per alcune ore ha subìto l'interruzione dell'erogazione idrica, necessaria per permettere agli operai ed ai tecnici di Gestione Acqua di intervenire e riparare il guasto. L'acqua è tornata regolare verso le 23,30 anche se nella mattinata di sabato ci sono state ancora alcune residue irregolarità nell'erogazione. Altro intervento di riparazione è avvenuto nel corso della mattinata di domenica all'acquedotto di via Dante nel tratto con l'incrocio di via Gramsci, di fronte a piazza Nassirya. I tecnici in alcune ore hanno riparato il guasto e permesso di ritornare alla normalità.

Helenio Pasquali

 

La Castelnovese punta a ripartire

 

Da 31 anni il "Beppe Spinola" in queste settimane veniva invaso da squadre di ragazzi, accompagnati da dirigenti e famiglie, provenienti da tutto il Piemonte, la Lombardia e la Liguria, per disputare il torneo di calcio giovanile "Gulliver Supermercati" che si concludeva con il tradizionale memorial "Giampietro Gavio". Ne parliamo con il responsabile del settore giovanile della Castelnovese, Piero Catto (in foto), da anni organizzatore di questa manifestazione. "Purtroppo stiamo vivendo una situazione incredibile che mette a serio rischio in primis la nostra salute, quindi l'economia nella sua globalità con tutte le relazioni che la compongono. Basti pensare che da marzo a giugno avremmo dovuto disputare la 32ª edizione di questa importante rassegna di calcio govanile. Coprivamo tutte le categorie dai più piccoli sino agli Juniores e ora, dopo 31 anni, il torneo non si farà”. Ma oltre all'amarezza per quanto sta accadendo, Piero Catto è anche molto critico in relazione a questo blocco generale. "Sono convinto - dice - che questa emergenza in Italia sia stata gestita male, con eccessiva superficialità all'inizio che ha poi reso necessari provvedimenti molto rigidi quando si sarebbe dovuto intervenire prima e meglio perchè i segnali ed i campanelli d'allarme erano già arrivati. In qualità di responsabile del settore giovanile di una società di calcio mi limito a parlare per i bambini ed i ragazzi privati di qualsiasi forma di libertà non potendo più andare a scuola, nè praticare sport, nè continuare a coltivare relazioni interpersonali, fondamentali per la loro età. Per me resta inammissibile che nel 2020 si possa arrivare a vivere una situazione del genere". Per le società di calcio minori, ecco il problema della ripartenza, quando e come, e soprattutto, chi riuscirà a ripartire anche perchè reduci già da anni molto difficili, con tante società costrette ad abbandonare o a creare fusioni tra loro. "La voglia e l'entusiasmo di ricominciare ci sono e la Castelnovese sarà pronta appena si potrà ripartire. Sicuramente dovremo affrontare tante difficoltà, aggravi di costi, protocolli particolari da rispettare ma ci faremo trovare pronti perchè il nostro obiettivo è quello di potenziare sempre più il settore giovanile riuscendo a coinvolgere sempre più ragazzi ed inserire gradualmente nuove squadre per completare tutte le categorie.  Credo sia doveroso - conclude Piero Catto - ringraziare sentitamente Aldo Acerbi, Antonio Belvedere ed Egidio Spinetta che in questi mesi stanno continuando a lavorare con grande impegno e passione rendendo le nostre due strutture sportive, il Beppe Spinola e l'area Crespi, due autentici gioielli invidiati da tutti". 

H.P.