LA PAGINA DI CASTELNUOVO SCRIVIA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   01/07/2020 00:00:01 

Arrestati i ladri del Gulliver

Fecero esplodere la cassa continua

 

Nella notte tra il 27 e 28 ottobre dello scorso anno ignoti ladri fecero esplodere la cassa continua del supermercato Gulliver del paese riuscendo a rubare 8 mila euro ivi custoditi. Le indagini dei carabinieri, prima quelli del paese e della compagnia di Tortona poi del nucleo investigativo di Alessandria, hanno finalmente portato all’arresto di due romeni, D.I.A. di 36 anni e C.C. di 40, abitanti nel Pavese, ritenuti responsabili non solo del furto consumato in paese ma di altri colpi ladreschi messi a segno fino al dicembre scorso a Mezzanino e Cilavegna in provincia di Pavia, Pantigliate, in provincia di Milano ed a Pavia, tutti ai danni di supermercati o bar dotati di cassa continua, tutti però andati a vuoto. La tecnica era sempre la stessa: in una prima fase i banditi forzavano la cassa continua per attivare un sistema di anti esplosione installato all’interno; la notte successiva o quella ancora dopo ritornavano sullo stesso luogo con un’autovettura rubata e bombole di gas; praticavano un foro nella cassa continua, introducevano una miscela di ossigeno ed acetilene e innescavano l’esplosione: in pochi minuti arraffavano il bottino e si davano alla fuga. Le indagini sono state accurate e lunghe, seguendo diverse piste fino all’arresto, avvenuto lunedì mattina.

 

Nuova udienza per i lavoratori della Lazzaro

 

Dopo l’ultima del 5 febbraio scorso, nuova udienza mercoledì primo luglio  del processo che vede imputati sei lavoratori della azienda agricola Lazzaro ed il sindacalista Antonio Olivieri accusati di violazione di domicilio e violenza privata nei confronti degli imprenditori agricoli. La vicenda che portò alla denuncia e quindi al dibattimento in tribunale risale alla mattina del 18 agosto 2012 quando un gruppo di lavoratori trovarono affisso ad un albero un foglio con scritto “I marocchini non lavorano più qui”. Il gruppo di lavoratori accompagnati da Olivieri andarono a chiedere spiegazioni e, secondo le testimonianze, solo il sindacalista fece qualche passo nella proprietà per spiegare alla moglie di Lazzaro la loro presenza lì ma la donna disse che avrebbe chiamato i carabinieri. Seguirono la denuncia ed il processo. Nelle varie udienze è emerso che i Lazzaro avrebbero maltrattato gli extracomunitari con soprannomi umilianti sottopagandoli in nero, prima con 5 euro poi scesi a 4. Bruno e Mauro Lazzaro hanno a loro tempo già patteggiato un anno e mezzo per maltrattamenti e favoreggiamento della presenza di stranieri in Italia senza permesso e nelle cause civili intentate a loro carico sono già stati condannati a pagare anche in appello. Nel processo ai 6 braccianti e a Olivieri i Lazzaro si erano dapprima costituiti parte civile poi hanno rinunciato aprendo una causa chiedendo agli imputati un milione e mezzo di risarcimento lamentando mancati introiti da grossi clienti per la cattiva immagine data dai presidi all’azienda.

 

Estate Ragazzi 2020

 

L'amministrazione comunale, in collaborazione con la Cooperativa Abete, ha avviato il progetto “Estate Ragazzi 2020” dal 6 al 31 luglio, per i minori, dalla scuola dell'infanzia sino alla scuola secondaria di I grado. Il servizio è previsto dalle 8 alle 18 per la scelta giornaliera mentre per quella pomeridiana dalle 14 alle 18. Si sfrutteranno gli ambienti consueti dell'Estate Ragazzi, ci sarà un servizio mensa e tra le attività ludiche è compresa la piscina all'area Crespi. I costi a carico dell'utenza sono: mensile giornaliero 450 euro, mensile pomeridiano 270, settimanale giornaliero 118 e settimanale pomeridiano 72. Al fine di valutare l'organizzazione e per poter avviare il servizio, essendoci un numero minimo di utenti, si invitano i genitori a comunicare l'eventuale interesse inviando una mail a segreteria@comune.castelnuovoscrivia.al.it con all'oggetto estate ragazzi indagine conoscitiva, entro e non oltre sabato 27 giugno ore 12. La comunicazione è da intendersi a puro titolo conoscitivo e reciprocamente non impegnativa. Per ulteriori informazioni è possibile contattare il dott. Fabio Ravazzano, responsabile del servizio, allo 0131 826125 digitando l'interno della segreteria.

Helenio Pasquali

 

Sulla Via del Mare

 

Lorenzo Buzzi, Stefano Orsi, Luca Scarcella e Federico Testa sono partiti venerdì all'alba da Varzi raggiungendo, dopo 93 chilometri, Portofino prima di fare ritorno lunedì in paese. Un percorso prima studiato a tavolino e poi segnato, ora dopo ora, dalla lunga camminata che ha condotto i quattro amici al sospirato traguardo tagliando prima tappe intermedie che caratterizzano la Via del Sale e la Via del Mare tra il Monte Chiappo, Capanne di Cosola, l'Alta Val Borbera, il Monte Antola, Torriglia, Uscio ed appunto Portofino. E ora si pensa già al prossimo programma alzando sempre più l'asticella!

 

Nella foto da sx Stefano Orsi, Lorenzo Buzzi, Luca Scarcella e Federico Testa

Helenio Pasquali

 

La sera dei miracoli

 

Nulla potrà mai essere come prima. E non poniamoci altri interrogativi. Le pagine che stiamo scrivendo e raccontando, tv, carta stampata, radio, social, saranno lette e studiate dalle nostre prossime generazioni. Il mondo che si è fermato. E un patrimonio di storia, di tradizione e di saggezza che ci ha salutato. Per sempre. Il nostro paese, Castelnuovo, ha purtroppo pagato un conto sul quale sono state versate tante, troppe lacrime. Genitori, nonni, ma anche figli, amici, vicini di casa che sono stati salutati prima di salire su una delle tante ambulanze con destinazione a volte vicina, altre lontana, e con quelle sirene che gettavano sconforto, tristezza e tanta angoscia ad ogni ora della giornata, insieme al suono delle campane e a quel segno della croce che ci veniva spontaneo di fare. Domenica mattina la messa in piazza, all'aperto. Per unirsi in preghiera, per ricordare. Sapendo che nulla potrà mai tornare come prima. E poi quel tricolore che salirà sulla vetta della nostra torre. Quasi ad unirsi con le stelle che colorano il cielo di questi primi giorni di estate. E chissà che si possa tornare a rivivere "La sera dei miracoli" che ci ha regalato nel suo testamento artistico il maestro Lucio Dalla con "i cani che parlano tra di loro, la luna che sta per cadere e la gente che corre nelle piazze per andare a vedere... questa sera così dolce che si potrebbe anche bere... si muove la città con le piazze, i giardini e la gente nei bar... E in mezzo a questo mare cercherò di scoprire quale stella sei".

Helenio Pasquali