CRONACA DELLA SETTIMANA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   29/07/2020 00:00:03 

 

Ai domiciliari il titolare di Kauai Viaggi

Ha occultato 74 mila euro ai clienti

 

Circa un anno fa veniva depositata alla caserma carabinieri di Tortona la prima querela da parte di un cliente dell’agenzia viaggi Kauai srl di via Emilia nei confronti del sul legale rappresentante, il 36enne alessandrino B.M.. A quella denuncia, nel luglio 2019, ne seguirono altre 26 sempre presso la stazione di Tortona da persone che spiegarono di aver prenotato una vacanza ma all’atto della consegna dei documenti di viaggio avevano trovato l’agenzia chiusa e che il titolare, nonostante le prime rassicurazioni per risolvere il problema, si era poi reso irreperibile. Alcune coppie hanno dovuto rinunciare al già programmato viaggio di nozze regalato loro dagli invitati al matrimonio che avevano aderito alla lista aperta presso l’agenzia. Molti altri avevano dovuto rivolgersi ad altre agenzie con il raddoppio della spesa per riuscire a partire per le vacanze estive. Le indagini dei carabinieri tortonesi, seguite dalla relazione del curatore fallimentare, hanno permesso di ricostruire lo stato documentale e patrimoniale dell’uomo, le cariche societarie da lui ricoperte all’epoca dei fatti e in precedenza, riscontrando anche in passato alcune zone d’ombra. Non si è trovata traccia di contabilità, con diverse omissioni di mancati pagamenti di imposte e neppure dichiarazioni fiscali della ditta individuale. L’autorità giudiziaria ha ritenuto quindi che l’uomo “avrebbe dovuto chiedere il fallimento in proprio per evitare il dissesto anziché autofinanziarsi mediante sistematiche operazioni di omesso pagamento di imposte e contributi, continuando a richiedere ai clienti dell’agenzia acconti e saldi per viaggi da lui acquistati (appropriandosi indebitamente a scapito dei predetti di una somma quantificata in oltre 74 mila euro)”. Per questo il giudice Tacchino su richiesta del procuratore aggiunto ha emesso nei confronti del 36enne la misura cautelare degli arresti domiciliari per bancarotta fraudolenta e occultamento delle scritture contabili, dando incarico ai carabinieri di Tortona di condurlo al suo domicilio dove dovrà restare a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

Un’altra rotonda per un’altra società

In discussione al consiglio comunale

 

Sarà decisamente molto intensa la riunione del consiglio comunale cittadino che il presidente Giovanni Ferrari Cuniolo ha convocato per le 21 di lunedì prossimo 27 luglio. L’argomento principale è, naturalmente, il bilancio di previsione e tutte le delibere ad esso collegate (tariffe comunali varie). Vi sono poi due argomenti di carattere urbanistico: una rettifica dell’atto di cessione da parte dell’Appia srl e una “richiesta di adeguamento di limitata entità delle infrastrutture previste dal prg in zona I17” avanzata da Aquila Capital, società tedesca che ha intenzione di realizzare una nuova logistica nei pressi di Conforama. La domanda riguarda la realizzazione di una nuova rotonda per l’accesso all’area. I lavori dovevano iniziare nei primi mesi di quest’anno, per essere terminati nel gennaio 2021, ma poi tutto si è bloccato a causa dell’emergenza sanitaria; pare ora che la complessa macchina burocratica si sia rimessa in moto, ed a palazzo comunale pensano che tra qualche mese si potrà vedere l’inizio lavori.

 

Il secondo libro giallo di Francesco Bartolini

 

E’ un piacevole esercizio letterario lo scrivere libri gialli per Francesco Bartolini che dopo “Sangue nel parco” ha dato alle stampe “Due per un delitto”, seconda indagine del pubblico ministero dottor Fabiani. Emerge, come anche nel primo romanzo, il rigore delle descrizioni della vita in tribunale e delle procedure d’investigazione, fra colpi di scena e geniali intuizioni di chi opera per la giustizia. Se vogliamo conoscere un po’ meglio Bartolini sbirciamo la sua bacheca internet scoprendo accanto ai due libri gialli una vasta produzione di testi a tema giuridico, sua principale produzione libraria. Il magistrato Francesco Bartolini ha svolto funzioni di giudice in pretura, in Corte d’appello e in Corte d’assise, prima di essere chiamato a Roma come consigliere presso la Suprema Corte di cassazione. Presidente o relatore del processo in collegi giudicanti, ha curato la stesura della sentenza in giudizi penali di rilievo. Questa seconda “divagazione” gialla di Bartolini è ambientata nell’alta società torinese dove un suicidio che non convince, porterà a due presunti colpevoli e ad indagini che sveleranno una verità sorprendente. “Due per un delitto” è in vendita a Tortona presso le librerie I Girasoli e Namastè.

 

Incarico per il prg

Finalmente qualcosa si muove sul fronte della variante al piano regolatore. Il segretario generale, divenuto il responsabile del servizio per la pianificazione urbanistica, “richiamato l’organico del nuovo ufficio all’interno del quale emergono professionalità in grado di poter fornire risposta di massima agli obiettivi dell’amministrazione” attestato “l’inesistenza all’interno della dotazione organica di professionalità di adeguata specializzazione e competenza, stante anche la carenza pratica di analoghe e recenti procedure dell’ente” ha deciso di procedere ad una selezione di professionisti in grado di dare una autonoma collaborazione esterna. Le voci parlano di un orientamento a professionisti o ad uno studio di professionisti astigiani.

 

Liquidato il Mercato della Solidarietà

L’associazione Mercato della Solidarietà nei mesi dell’epidemia aveva provveduto, presso la Cri provinciale, all’acquisto, grazie all’anticipo elargito dall’associazione Uccio Camagna, di mascherine da distribuire gratuitamente alla popolazione per 17.500 euro, di cui 12.500 da parte del comune, che ha ora provveduto a liquidare il dovuto.