APRILE AL 6° POSTO TRA I MESI PIÙ SECCHI 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   29/07/2020 00:00:04 

Secondo l’Arpa il mese di aprile 2020, così terribile dal punto di vista socio sanitario, è stato il 6° mese di aprile più caldo degli ultimi 63 anni con una temperatura media di 10 gradi ed un’anomalia termica di +2,5 gradi. I giorni più freddi del mese sono stati i primi due con una media, il primo aprile, delle temperature minime su tutta la regione di -1,2 gradi mentre in pianura i valori più bassi sono stati registrati all’alba del 2 con una media di 0,3 gradi. Di contro il giorno più caldo è stato l’11 aprile con una media di 24,2 gradi nei valori massimi in pianura ed il picco registrato ad Isola Sant’Antonio con 28 gradi. Ciò ha fatto sì che il valore più elevato nelle città capoluogo di provincia sia stato registrato in Alessandria con 27,5; ma la città capoluogo della nostra provincia ha fatto registrare anche il picco negativo più elevato con -2 gradi registrato il 3 aprile. L’anomalia termica maggiore rispetto alle medie degli ultimi 63 anni è stata delle massime con +3,1 gradi, mentre la minima ha fatto segnare un +2 gradi; le temperature massime sono risultate superiori alla norma in tutto il territorio, le medie invece sono state vicino ai valori della climatologia. 

 

Precipitazioni. Aprile 2020 è stato un mese secco, e con una media regionale di 75,1 millimetri di pioggia ed un deficit rispetto alla media dal 1971 di 42,5 mm (-36%), si pone al 24° posto tra i mesi di aprile meno piovosi dal 1958. Per la verità le piogge hanno interessato altre parti del Piemonte lasciando quasi all’asciutto la zona sud orientale. Il giorno più piovoso è stato il 20 con 29,3 mm di media su tutto il territorio (nella nostra provincia invece è stato il 28), anche se la zona più colpita è stata il Cuneese; il numero dei giorni piovosi è stato inferiore alla media climatica e sono variati tra i 4 dell’Alessandrino ed i 7 del Torinese. Infine da ricordare che il 14 a Lobbi è stata registrata la raffica di vento più forte del mese in tutta la regione con 17 metri al secondo e che si è avuto un solo episodio di nebbia ordinaria (visibilità inferiore al km) contro i 5 attesi.