NUMEROSE DENUNCE PER STALKING, RAPINA E MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   09/09/2020 00:00:12 

 

Fine luglio ed agosto bollente quelli appena trascorsi per i carabinieri della compagnia tortonese che sono dovuti intervenire più volte per sedare litigi familiari o tra conviventi o ex conviventi, alcuni dei quali terminati con donne che hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso. Il primo fatto risale al 24 luglio quando il 56enne M.O., abitante in città lungo la ex statale per Genova, si è presentato nell’abitazione della sua ex convivente, A.M. di 41 anni, abitante in una frazione di Sarezzano, e, nonostante il divieto espresso dalla donna, si è introdotto in casa prelevando i due figli minori, con l’intento di trascorrere il fine settimana con loro, nonostante le disposizioni del tribunale lo vietassero. L’uomo è stato denunciato per violazione di domicilio, mancata esecuzione dolosa di provvedimento del giudice e sottrazione di minorenni. Il secondo episodio risale al 28 luglio quando la 44enne T.C. abitante a Monleale, denunciava per stalking l’ex convivente, G.T. di 52 anni, abitante a Volpedo, già noto alle forze dell’ordine. Dalla denuncia e dalle indagini esperite dai carabinieri della stazione di Viguzzolo l’uomo per alcuni mesi aveva tempestato di telefonate minacciose l’ex convivente, presentandosi sotto casa urlando e minacciando. Pare che motivo del contendere sia l’affidamento dei due figli minori. Nella mattinata di venerdì 7 agosto i carabinieri di Viguzzolo sono stati chiamati per un intervento presso la villa di I.M. di 29 anni, sita alla periferia del paese. Poco prima l’ex fidanzato, il 31enne A.Z., abitante a Caldirola, in preda a quanto pare ad un raptus di gelosia, si era introdotto nel cortile della villa, scavalcando il cancello, minacciando la giovane che si era barricata in casa. Prima di allontanarsi rapinava il cellulare della donna, che era stato abbandonato sulla vettura, parcheggiata aperta in cortile. Il cellulare veniva ritrovato poco dopo nei pressi di un’abitazione vicina, perchè subito bloccato e non più utilizzabile. A quanto pare l’uomo attraverso il cellulare voleva avere prove di un presunto tradimento ed è stato denunciato per rapina. Un altro inquietante episodio si è verificato nel tardo pomeriggio di lunedì 10 agosto a Tortona lungo la ex statale per Genova. Dall’abitazione di S.I. di 40 anni provenivano le urla dell’ennesimo litigio tra conviventi, unite ai pianti delle tre figlie minori. I vicini, allarmatisi, avvertivano i carabinieri che giunti sul posto riuscivano a scongiurare più gravi conseguenze al litigio. L’uomo, infatti, ubriaco, aveva picchiato duramente la donna, la 30enne E.D., procurandole un trauma cranico e contusioni varie giudicate guaribili in 12 giorni. L’uomo è stato denunciato per lesioni personali e maltrattamenti in famiglia, ed allontanato dall’abitazione. Infine martedì 18 agosto i carabinieri di Viguzzolo mettevano fine ai continui maltrattamenti, che a detta dei vicini duravano da anni, ai danni di una 26enne marocchina, denunciando il convivente  connazionale 30enne.

© riproduzione riservata