CRONACA DELLA SETTIMANA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   24/02/2021 00:00:03 

 

Riaperto al pubblico il Cora Kennedy Sada

 

Mercoledì 17 febbraio la residenza per anziani "Cora Kennedy Sada" in via Barabino a Tortona ha riaperto al pubblico. Nella struttura che ormai da qualche tempo è "Covid free" è stata allestita una sala con diverse postazioni dove gli ospiti, nel rispetto delle distanze e delle misure di sicurezza per limitare la diffusione del contagio, possono tornare ad incontrare parenti e famigliari. L'adeguamento dei locali è stato realizzato grazie al fondamentale contributo della Fondazione "Uccio Camagna" che già nei mesi scorsi aveva garantito il suo aiuto nell'acquisto di presidi medici per il "Cora Kennedy Sada". Alla riapertura di mercoledì erano presenti anche il sindaco Federico Chiodi, l'assessore ai servizi sociali Marzia Damiani e la presidente della Fondazione Pia Camagna.

 

717 i farmaci raccolti per il Banco Farmaceutico

 

Anche quest'anno, nonostante i disagi causati dalla pandemia, le farmacie di Tortona, Piovera e Villalvernia hanno aderito alla raccolta del farmaco promossa a livello nazionale dal Banco Farmaceutico. I cittadini hanno risposto con generosità consapevoli che il Covid non ha annullato gli altri malanni anzi ne ha accentuato uno in più ... la povertà. I farmaci raccolti sono stati in totale 717 e sono stati donati a: Piccolo Cottolengo don Orione, Terre di Mezzo Odv, Centro Paolo VI e Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta. Tutto ciò è stato possibile grazie all'impegno dei farmacisti e di tutti i volontari che hanno regalato parte del loro tempo alla raccolta. Un ringraziamento speciale va ai volontari Cri, a quelli dell'Ordine di Malta, della Casa di Accoglienza e del Piccolo Cottolengo.

 

Celebrata la Giornata del Malato

 

Presso il santuario della Madonna della Guardia si è tenuta giovedì 11 febbraio la Giornata del Malato. La messa è stata celebrata dal vicario episcopale don Maurizio Ceriani, che ha portato i saluti e la vicinanza al mondo della sanità del vescovo Mons. Vittorio Viola. Erano presenti autorità civili e militari, operatori sanitari, dirigenti delle case di cura per anziani e disabili della città e della zona, le suore orionine della casa madre insieme alla superiora provinciale suor Gemma, le associazioni di volontariato che in questo tempo di pandemia hanno donato il loro prezioso contributo in molteplici forme e i fedeli devoti. Nell’omelia don Ceriani ha ricordato come tutti i presenti siano testimoni dell’attenzione premurosa e costante verso il mondo della sofferenza in tutte le sue forme e delle drammatiche situazioni, in particolare della pandemia che stiamo vivendo. Il rettore don Renzo Vanoi al termine della celebrazione ha ringraziato i presenti e ha dato lettura dei messaggi giunti dal presidente della Regione Piemonte Cirio e dall’arcivescovo metropolita di Gorizia Mons. Carlo Roberto Maria Redaelli, presidente della commissione della CEI per la carità e la salute. La celebrazione si è conclusa al tempietto ai piedi della statua della Madonna della Guardia con la recita della Preghiera del Malato.

Fabio Mogni

 

Tortona buia: troppi contratti, luci fra gli alberi e pochi led

 

Qualcuno dirà che è un “pallino” della redazione di questo giornale, ma vi assicuriamo che le lamentele che ci arrivano su questo argomento da parte dei lettori sono moltissime. Ci riferiamo allo stato dell’illuminazione pubblica delle vie della nostra Tortona. In primo luogo la lamentela più ricorrente riguarda il fatto che le luci non si accendono e spengono contemporaneamente, per cui si hanno vie illuminate o vie non illuminate nello stesso momento e nello stesso rione. Il problema, sappiamo, non è di semplice soluzione, in quanto i gestori (ancora per quanto?), dell’impianto di illuminazione sono più d’uno con contratti diversi. E’ auspicabile però che si giunga presto ad un accordo, o al passaggio della gestione della pubblica amministrazione all’Asmt, come era stato deciso dalla precedente amministrazione, in modo che le varie centraline siano dotate di crepuscolari che attivino spegnimento ed accensione allo stesso tempo. C’è poi un secondo problema: in molti viali cittadini l’illuminazione serve essenzialmente a far luce sulle foglie degli alberi, e non a terra. In questo caso la soluzione non è facilissima, perchè occorre o potare meglio gli alberi, o cambiare i pali che sorreggono le luci. Cosa non da poco, anche dal punto di vista economico. Terzo problema riguarda la scarsa illuminazione di molte vie, anche senza il problema delle alberature; girando per la città ce ne possiamo accorgere tutti, e questo fatto riguarda anche la sicurezza dei cittadini, che così tanto dovrebbe stare a cuore all’amministrazione comunale. Quarto ed ultimo problema, che però crediamo potrà essere risolto solamente quando si avrà un unico gestore della pubblica illuminazione, è che la nostra città è tra le poche in zona che non ha ancora affrontato la questione del cambio dell’illuminazione con le lampade a led, che illuminano maggiormente e consumano meno energia elettrica. Un ritardo colpevole, che dovrà essere colmato al più presto. E per intanto, dobbiamo accontentarci di questa scarsa illuminazione.

 

Dubbi e quesiti sui vaccini sollevati da una lettrice

 

Signor direttore,

So che questa mia lettera potrebbe essere controcorrente, ma vorrei che la pubblicasse ugualmente per aprire, semmai, un dibattito con i suoi lettori. Voglio parlare di vaccini. Siamo in piena campagna di vaccinazioni, e già spuntano le proteste; insegnanti e forze dell’ordine si lamentano che a loro sono riservati vaccini di serie B. Non lo so, ma certamente questa questione dei vaccini non è chiara: uno va bene sotto i 55 anni, l’altro abbisogna di richiami, ma il richiamo fa star male la persona che lo riceve (e pare che ora si sia deciso di allungare il tempo tra il primo ed il secondo vaccino), l’altro ancora non dà completa immunità e così via. Intanto la prima domanda che vorrei fare, e che ho fatto al mio medico senza ricevere risposta, è: quanto dura l’efficacia del vaccino? Probabilmente nessuno lo sa, perché solo il tempo potrà stabilirlo, ma allora è chiaro che mascherina e distanziamento sociale dovranno durare ancora a lungo, perchè non sappiamo come andrà a finire e quando ci potrà essere quella mitica immunità di gregge di cui ogni tanto si parla. Poi vorrei sapere quali e quante sono le malattie che permettono anche ad un giovane di essere vaccinato prima: la nostra Asl, ho cercato disperatamente, non lo ha ancora detto. E poi, ma credo che non si possa sapere nemmeno questo: quali sono gli effetti del vaccino sul nostro corpo, quali effetti collaterali nel lungo periodo potrà lasciare in noi? In soldoni: ci garantisce dal Coronavirus (non si sa per quanto) ma ci “inietta” un’altra malattia che si manifesterà tra qualche anno? Insomma, lo avrete compreso: sono scettica sui vaccini e sono alla ricerca di risposte, qualcuno me le potrà dare? Ringrazio se vorrà pubblicare questa mia lettera, e saluto.

Lettera firmata

 

Venerdì 26 chiusa strada viola

 

Venerdì 26 dalle 8 alle 18 per permettere al privato Armando Bertelegni, abitante in strada Viola 56, il taglio delle piante la strada sarà chiusa con deviazioni per strada Alabraida, via Devani e strada Cascinette per chi proviene da Vho e per via Guala per chi proviene dal centro città.

 

Progetto per la zona R15

 

Nel 1997 venne stipulata convenzione per la realizzazione di un pec a Torre Calderai con obbligo da parte dei privati della costruzione di tutte le opere di urbanizzazione primaria. Nel 2002 la titolarità del pec passò alla società Marina srl che ha presentato una polizza fidejussoria di 144.491 euro a fronte di lavori ancora da compiere stimati dagli uffici comunali pari a 123 mila euro. La società assicuratrice ha versato solamente 95 mila euro, ed ora è stato approvato il progetto per il completamento delle opere di urbanizzazione per un costo di 85 mila euro, i cui lavori sono stati affidati alla Torti e Torti sas.

 

Lavori al Cora Kennedy

 

Affidati alla Eos impianti snc i lavori per un sistema di monitoraggio delle porte esterne e di filodiffusione per un costo di 13.474 euro.

 

Incontro virtuale sui problemi domestici

 

Articolo Uno e la lista Civica Tortona hanno organizzato per le 21 di venerdì 26 febbraio un incontro virtuale sul tema: “Casa dolce casa..ma è sempre così? Come la pandemia ed il lockdown hanno cambiato le nostre vite facendo crescere paure e disagi all’interno delle mura domestiche”. Vi prenderanno parte la dottoressa Tea Baraldi, assistente sociale specialista, già giudice onorario presso il tribunale dei minori; il dottor Carlo Gatti, psicologo e l’avvocato Lorenzo Bianchi, specializzato nel diritto di famiglia. L’incontro sarà visibile sulle pagine Facebook Articolo Uno - Tortona o Civica Tortona.

 

Permessi di costruire

 

Ratto Cristina, permesso 37/20, ristrutturazione edilizia con cambio d’uso in via Perosi 23; Divano Claudio, permesso 38/20, costruzione tettoia agricola ad uso ricovero scorte in statale per Genova; Lombardi Stefania Antonella, permesso 1/21, formazione di piscina ad uso privato in strada privata Bovone 4; Agosti Gianni, permesso 2/21, cambio destinazione d’uso con opere in via Emilia 9; Barrett Edoardo e Barrett Paolo, permesso 3/21, demolizione di porzione di fabbricati rurali e formazione di unità residenziale in strada comunale Bedolla 1; G&P srl, permesso in sanatoria 4/21, esecuzione di lavori in difformità dalla licenza edilizia 5/1958, in strada Santa Lucia 26; Bagnera Maria Giovanna, permesso in sanatoria 5/21, per esecuzione abusiva di fabbricato ad uso autorimessa in via Leonardo da Vinci 47; Monica Arbasino, permesso 6/21, realizzazione piscina ad uso privato in strada comunale Fornaci; Daniela e Alberto Barbieri, permesso in sanatoria 7/21, per esecuzione abusiva lavori in difformità alla concessione edilizia 136/1985 in strada Paghisano 38.

 

Si ricorda l’eccidio sul Castello

 

Nel 76° anniversario della Liberazione comune e Anpi terranno sabato 27 febbraio, alle ore 11, la cerimonia in ricordo dei dieci ostaggi fucilati dai nazifascisti sul Castello il 27 febbraio 1945. La manifestazione, che seguirà le disposizioni anti Covid, si svolgerà dinnanzi alla stele che ricorda i Caduti con posa di corona d’alloro e saluto delle autorità, fra cui il sindaco Federico Chiodi e il presidente della sezione tortonese Anpi Marco Balossino.

 

Contributi ad associazioni di volontariato

 

Deciso, per i lavori svolti durante l’emergenza pandemica, un contributo di 1.000 euro ciascuno al nucleo regionale di protezione civile dei Carabinieri e all’associazione emergenza radio Cb Pupo; di 500 euro all’associazione di protezione civile alpina Calissano di Volpedo e di 250 euro all’associazione di protezione civile Bassa Valle Scrivia e all’associazione squadra Aib e Pc di Volpedo.

 

Riapre la sala studio in biblioteca

 

Da lunedì 22 febbraio riapre, con otto posti disponibili, la sala studio presso la biblioteca civica, posta nei locali, ubicati al primo piano della struttura in via Ammiraglio Mirabello. Sarà obbligatorio indossare sempre la mascherina e sarà garantito il rispetto della distanza di sicurezza. La prenotazione è obbligatoria e dovrà essere effettuata sul sito sistemabibliotecariotortonese.it; gli orari: al mattino 9-13 e al pomeriggio 13,30 17,30.

 

Fallimento

 

Il tribunale ha dichiarato il fallimento della Car Service srl in liquidazione con sede in strada per Castelnuovo Scrivia 15. Curatore il dottor Maurizio Coco, esame dello stato passivo fissato all’8 giugno prossimo.

 

Salvato dai pompieri

 

Piccola disavventura martedì mattina, 16 febbraio, per due 16enni di origine egiziana abitanti in città: uno dei ragazzi, mentre stava correndo lungo strada Bellaria a Rivalta Scrivia, è scivolato nella roggia che corre parallela alla strada. L’amico, vedendo il compagno in difficoltà nell’uscire dalla roggia a causa dell’acqua ghiacciata presente, ha chiamato i vigili del fuoco per i soccorsi, i quali, tempestivamente intervenuti, hanno portato in salvo il ragazzo. 

 

Sette Giorni corretto

 

A pagina 8 dello scorso numero abbiamo pubblicato la notizia di un incidente avvenuto all’altezza della rotonda dell’Oasi lunedì 8. Ci sono alcune imprecisioni: il tortonese Giovanni (e non Giacomo) Bargelli alla guida di una Peugeot 308 è stato tamponato, mentre era riportato che non avesse concesso la precedenza. Ce ne scusiamo con i lettori.

 

Piano di risanamento acustico

 

La Ec Group srl con sede in statale per Genova 68/a ha presentato domanda alla Provincia per l’approvazione del piano di risanamento acustico la cui istruttoria si concluderà entro l’8 marzo prossimo.