UN ALTRO PASSO NELLA STORIA: DERTHONA BATTE 80-74 TRIESTE E SI QUALIFICA AI PLAYOFF 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   01/05/2022 22:45:00 

 

Per i leoni quarto periodo strepitoso dall’arco (8/13)

 

Nell’ultima gara casalinga di regular season il Derthona Basket, a caccia della qualificazione ai playoff, affronta l’Allianz Trieste (peggior sconfitta stagionale all’andata per 88-57) senza Macura, neo papà ancora negli States, ma con il rientrante Cannon. Buon primo quarto dei leoni, sempre al comando: con ottime percentuali al tiro (57% dall’arco e 43% da 2) e buona presenza a rimbalzo (11-6) Tortona chiude i primi 10’ sul 24-19. Tortona versione Dr. Jekyll e Mr. Hyde nel secondo quarto non trova la retina per 7 minuti e mezzo subendo un parzialone di 18-0 di Trieste e trovando una piccola reazione solo nel finale chiudendo il primo tempo sotto 34-43: nel quarto (24-10 Trieste) percentuali bianconere crollate al 38% da 3 e al 37% da 2. Primi 3 minuti del 3º periodo complicati per Tortona (solo 3 punti con Cain), seguiti da 2’ di maggior fluidità offensiva che permettono ai leoni di ricucire sul -5 (45-50) a metà periodo. Trieste appare più solida e controlla la gara tornando alla doppia cifra di vantaggio che solo nel finale Tortona riesce ad assottigliare chiudendo sotto di 9, 59-50. Nell’ultimo quarto il Derthona è implacabile dai 6.75 e con una gran prova balistica (8/13 da 3 nel solo quarto periodo) schianta Trieste 80-74 raggiungendo la prima storica qualificazione ai playoff di Serie A.

 

1º QUARTO. Lo starting five di coach Ramondino (Mascolo e Wright a guidare Cain, Daum e Sanders) inizia bene la gara che potrebbe dargli l’accesso ai playoff con un parziale di 7-2 firmato Daum, Cain (tripla da 9 metri allo scadere dei 24”) e Wright. Trieste è molto imprecisa e Tortona, con la tripla di Sanders ed il jumper di Mascolo, ne approfitta per allungare dopo 4.10 di gioco sul 12-5. Dopo il timeout la squadra di coach Ciani ritrova le misure e con 3.40 da giocare accorcia sul 14-11, con il Derthona che, dopo qualche passaggio a vuoto, trova la retina con Cain. Tortona difende bene, aggressiva e ordinata, e in attacco, dopo il bel canestro dal pitturato di Filloy, mette a segno due triple consecutive con Sanders e Daum per il massimo vantaggio 22-14 a 2’ dalla sirena. Trieste prova nuovamente a rientrare, portandosi sul -3, 22-19, ma ancora una volta Filloy ristabilisce le distanze sul 24-19 della prima sirena.

 

2º QUARTO. Secondo periodo complicato per Tortona: in 5.42 di gioco l’attacco non riesce a trovare la retina, né dal pitturato né dall’arco pur costruendo buoni tiri, ed in difesa fatica a contenere il ritorno degli ospiti che approfittano del momento di impasse dei bianconeri per piazzare un parziale mortifero di 16-0 con cui si portano per la prima volta al comando della gara 35-24 con 4.18 da giocare. Ramondino prova a scuotere i suoi con due timeout e rimescolando le carte in tavola ma serve a poco perché Trieste allunga il parziale sul 18-0 senza che Tortona riesca a trovare gli aggiustamenti necessari. A fermare l’emorragia ci pensa capitan Tavernelli con il jumper a 2.36 dall’intervallo lungo cui segue il 2/2 ai liberi di Daum per il 28-37 Trieste con 1.30 da giocare. Tortona in chiusura di quarto ha una reazione di orgoglio con Sanders che piazza due triple consecutive per il 34-43 di fine primo tempo.

 

3º QUARTO. Al rientro dagli spogliatoi partita contratta con entrambe le squadre che non offrono un bel basket nei primi 3’ di gioco dove Tortona trova solo 3 punti consecutivi di Cain (1/2 ai liberi dopo l’antisportivo subito da Konate e canestro dal pitturato) per il 37-43. Nei minuti seguenti i leoni trovano più fluidità offensiva e con 4 punti di Daum, il jumper di Mascolo e un solido Cain da sotto canestro a metà periodo ricuciono il gap sul -5, 45-50. Trieste è cliente scomodo, alza l’intensità in difesa e ne raccoglie i frutti in attacco con un parziale di 5-0 per il nuovo vantaggio ospite in doppia cifra 55-45 con 3.33 da giocare. Sanders prova a scuotere i suoi dai 6.75 trovando la sua 5ª tripla (su 6 tentate) della gara ma è l’unico bianconero in grado di far male dall’arco con la squadra ferma sul 29% (7/24). Cannon in chiusura di quarto arrotonda il bottino tortonese per il 59-50 Trieste della terza sirena.

 

4º QUARTO. Inizio dell’ultimo periodo di gioco in cui entrambe le squadre non segnano per i primi 2.30 di gioco: a sbloccare Tortona ci pensa il solito Sanders con la tripla dall’angolo che dà il via al parziale di 12-5 dei leoni con Daum, Severini e Filloy a segno dall’arco: così con 5.10 sul cronometro il tabellone recita 62-64 Trieste ed inerzia della gara ribaltata in favore di Tortona. Dopo il timeout di coach Ciani lo spartito non cambia e il Derthona continua a trovare la retina da 3 con Filloy e Severini cui si aggiunge il gioco da 3 punti da Daum per il 71-64 Tortona. Banks da 3 riavvicina i suoi ma Daum risponde con la stessa moneta piazzando una tripla in allontanamento da Top10 cui si aggiunge il gioco da 3 punti di Cannon con cui si entra negli ultimi 2’ di gioco sul +8 Tortona, 77-69. Trieste spreca l’occasione per riavvicinare Tortona che con la tripla di Severini arrotonda il risultato sull’80-74 con cui si chiude la gara e grazie al quale i leoni sono matematicamente qualificati ai primi storici playoff di Serie A.