LA PAGINA DI CASTELNUOVO SCRIVIA 
A cura di Redazione Sette Giorni,  pubblicato il   23/11/2022 00:00:01 

 

Tagliani: “Una squadra che sta lavorando al meglio”

 

E’ passato un anno dall’elezione del consiglio comunale e al sindaco Gianni Tagliani, che vanta una lunga esperienza amministrativa, abbiamo chiesto un primo bilancio. Intanto partiamo dalle persone che compongono la squadra di maggioranza. Sei su otto sono alla prima esperienza e devo dire che sono sempre più convinto delle scelte fatte. Nel senso che l’impegno e la collaborazione non sono mai venute meno, l’iniziativa nei vari settori è stata apprezzata e credo che, ancora una volta, dimostriamo di essere sempre un passo avanti. Ne frattempo si cresce insieme più per confronto che per didattica. Puntiamo molto a ciò che può migliorare la qualità della vita dei castelnovesi. Partendo da un settore, quello culturale, che riteniamo prioritario per proposta e confronto. Che non deve mai essere messo da parte ma valorizzato. E registro una partecipazione all’organizzazione collettiva che avvicina e passa attraverso diverse esperienze e proposte a 360 gradi. Cantiere Cultura e biblioteca sono stati rivitalizzati diventando una fucina di iniziative all’interno delle quali si scambiano le esperienze più diverse. Dalla Consulta Giovanile, che sta crescendo dimostrando che nella libera iniziativa senza vincoli i giovani ci sanno fare, alle tematiche che riguardano il sociale con la gestione degli ospiti ucraini, l’assistenza che abbiamo dato ad essi e ciò che interagisce con il settore della scuola, sulla quale come è noto sono avviati importanti investimenti e altri arriveranno. L’attenzione che prestiamo ai beni culturali e all’incremento della conoscenza di essi attraverso nuovi canali turistici. L’impegno prestato sulla sicurezza con i recenti investimenti sulla videosorveglianza agli ingressi del paese. Per passare al settore dello svago e dello sport al quale garantiamo un sostegno integrale delle spese che mai come in questi tempi credo sarà apprezzato. E infine ai lavori pubblici in generale sui quali si cerca, soprattutto nelle piccole cose, di essere sempre presenti e agli aspetti ambientali che rivestono un carattere prioritario nelle scelte politiche di questa amministrazione. Sono molto soddisfatto del lavoro svolto: non ci siamo mai fermati un solo giorno. In tempi estremamente difficili dal dopoguerra ad oggi. Per gli strascichi della pandemia, per la più rilevante crisi economica e un disagio sociale che va crescendo. In Piemonte i consorzi socio - assistenziali stanno lavorando bene, cercano di dare risposte a coloro che si avvicinano. Noi abbiamo trasferito risorse al Cisa per sostenere ancora di più i cittadini in difficoltà come peraltro alla Caritas che fa un lavoro splendido di aiuto nel consueto silenzio che la caratterizza. Se possiamo programmare con una sostanziale serenità è giusto ringraziare coloro che componevano la precedente esperienza amministrativa, che ci hanno consegnato un comune con i conti in ordine consentendoci di dare delle risposte sugli impegni presi. A tal riguardo ringrazio altresì i dipendenti comunali che lavorano con impegno e passione. La semplificazione che il cittadino incontra nelle pratiche in realtà per il comune non c’è mai stata. Ogni giorno gli uffici devono compilare una certificazione, caricare su decine di portali diversi migliaia di dati, perdere giorni interi per scrivere le stesse cose per operazioni irrisorie e scarsamente rilevanti dal punto di vista economico. Le risorse umane sono determinanti per il buon funzionamento dell’ente locale. C’è un grosso problema che riguarda i piccoli comuni, tra i quali i nostri dell’Unione che sosteniamo, legato alla mobilità del personale, alla capacità di assumere e di sostenere i costi. Come peraltro va sottolineato che lavorare in un comune è scarsamente appetibile: ci sono molte responsabilità con il moltiplicarsi degli adempimenti, la complessità della normativa e una maggiore remunerazione nel privato. Occorre consentire ai comuni di gestire efficacemente la propria funzione di presidio sul territorio, valorizzando ancora di più il ruolo delle Unioni nella gestione dei servizi di back-office, esercitando una logica di prossimità e aiutando quelli più piccoli che spesso fanno fatica ad avere un singolo dipendente. Nel 2023 ci attendono importanti impegni e si inizieranno a raccogliere i frutti della progettualità di questo anno e dei lavori in corso sulle scuole, l’avvio per il restyling esterno del nido e un enorme lavoro sull’asta del torrente d’intesa con l’Aipo. Siamo inoltre in attesa che la soprintendenza validi il progetto del museo che è già finanziato e che diventerà  prioritario nell’interesse culturale cittadino. Sulla pianificazione faremo anche delle scelte che vanno nell’esclusivo interesse pubblico perché sono giunti i tempi in cui occorre una visione più ampia e non localistica del proprio sviluppo che deve essere sempre di più eco-sostenibile. Su questo ci impegneremo molto. Nell’organizzazione territoriale con uno sguardo rivolto agli investimenti che siano compatibili con il rispetto dell’ambiente e l’azzeramento di consumo del suolo, stante la disponibilità, nel solco della programmazione europea e dei trattati internazionali. Nel prossimo mese saranno avviate le potature e un intervento sul verde come da relazione dell’agronomo incaricato mentre l’ufficio tecnico, d’intesa con la soprintendenza, avvierà la progettazione per la sostituzione dei serramenti alla scuola Bandello grazie al finanziamento della Regione che si aggiunge a quello a valere sul Pnrr riferito alla digitalizzazione che ammonta a circa duecento mila euro a fondo perduto. La filosofia è sempre quella: darsi da fare per il proprio paese indipendentemente dal ruolo cercando di reperire risorse per nuovi lavori, programmare il futuro e non solo il presente, dimostrare la necessaria attenzione per ciò che ci circonda. 

 

Ramaplast tra le “Imprese Vincenti”

 

Mercoledì scorso Ramaplast è stata premiata al programma di Intesa Sanpaolo “Imprese Vincenti” che punta alla “valorizzazione delle piccole medie imprese che più rappresentano un esempio di eccellenza imprenditoriale capace di reagire con successo ai delicati e continui cambi di contesto". È stata un’occasione per raccontare cos’è Ramaplast, la sua storia familiare, la sua cultura per il lavoro, la sua innovazione e soprattutto la sua vera forza: le persone. Più di 40 anni fa la famiglia Stella decise di lanciarsi nel mondo della lavorazione delle materie plastiche ed oggi quel gruppo di pochi individui è diventato una realtà industriale riconosciuta nel mondo del packaging in plastica per il settore cosmetico, con oltre 150 lavoratori. Per Ramaplast è assodata la ferma convinzione di una produzione “Made in Italy”, pensiero che guida investimenti e ricerche. Un elemento di forza è stata la realizzazione di una logistica interna completamente automatizzata dove tutto il processo produttivo è controllato da un sistema integrato con il magazzino. Dal 2020 è nato internamente un Green Team multidisciplinare che affronta temi di sostenibilità, impatto ambientale, emissioni di CO2 e sperimentazione di materiali ecosostenibili, inseguendo gli obiettivi dell’Agenda 2030. “Il riconoscimento di «Imprese Vincenti» - così la famiglia Stella - rende orgogliosa tutta Ramaplast ed è uno stimolo per continuare a credere nel valore del capitale umano e dell’innovazione che sono i veri motori del cambiamento e vanno continuamente alimentati per affrontare sempre nuove sfide”.

 

 

In foto: l’amministratore delegato Lorenzo Stella con una rappresentanza della seconda generazione: Giovanna, Michela e Gianluca

Helenio Pasquali

 

Premiata a Roma la San Carlo Onlus

 

Giovedì scorso, presso il Palazzo della Cooperazione a Roma, si è celebrata la giornata della sostenibilità cooperativa "Energia per cooperare". A rimarcare il concetto di sostenibilità non più come una scelta, bensì come una strada obbligata, nella cornice dell'iniziativa condotta da Flavio Insinna e Filippo Solibello, ha trovato spazio la cooperativa San Carlo Onlus che si è aggiudicata il premio nazionale consegnato dal presidente nazionale di Confcooperative Federsolidarietà Stefano Granata per il progetto realizzato dai ragazzi di Castelnuovo: "Il Tg della Sostenibilità" con un'edizione al mese per 17 mesi, ciascuna dedicata a uno degli obiettivi dell'agenda 2030. Come hanno rilevato la presidente della cooperativa Michela Dameri e la coordinatrice delle strutture per ragazzi con disabilità e ideatrice del progetto Marzia De Giovanni "siamo orgogliosi del riconoscimento ricevuto perchè sono state apprezzate la nostra originalità e creatività avendo pensato di sensibilizzare la sostenibilità nel nostro stile, insegnando ad insegnare ed ottenendo così un risultato incredibile: divulgatori concreti ed efficaci con semplici sketch. I video mensili pubblicati sulla nostra pagina Facebook sono serviti per veicolare a chi ci segue online le piccole azioni che tutti possiamo e dobbiamo fare. E ora proseguiremo il nostro progetto con "Vengo dopo il Tg" che sarà un'estensione del laboratorio teatrale dedicato ai ragazzi". La cooperativa San Carlo ricordiamo che è nata sul territorio 23 anni fa con la gestione del centro diurno omonimo e ha contribuito nel corso degli anni alla nascita della Fondazione omonima, realizzando da subito il percorso per il Dopo di Noi con la Comunità "Casa San Carlo" in sinergia con le famiglie e gli enti locali.

 

In foto: Michela Dameri e Marzia De Giovanni con Flavio Insinna

Helenio Pasquali

 

Il nostro Com alla Giornata regionale della Protezione Civile

 

Sabato scorso al Centro Congressi di Alessandria si è tenuto un convegno dal titolo "Per non dimenticare" in occasione della Giornata regionale della Protezione Civile, promosso per ricordare la gravissima alluvione che ha colpito il Piemonte nel novembre del 1994, mettendo in evidenza il ruolo e l'importanza del volontariato di Protezione Civile. Al convegno era presente anche il Com 9 che fa capo a Castelnuovo e che comprende inoltre i comuni di Alzano Scrivia, Guazzora, Isola Sant'Antonio, Molino dei Torti e Pontecurone, con il coordinatore Angelo Secondo, il sindaco di Alzano Adolfo Guagnini e Ciro Mattiello, coordinatore del gruppo comunale di Protezione Civile di Alzano.

 

In foto: Angelo Secondo, Adolfo Guagnini, Dante Ferraris responsabile provinciale e Ciro Mattiello

 

Helenio Pasquali

 

75 persone allo screening glicemia

 

Riuscita con successo l'iniziativa promossa dalla Croce Rossa, comitato di Tortona, domenica mattina in piazza Vittorio Emanuele in occasione della Giornata di Prevenzione del Diabete. Erano presenti il dottor Carmelo Ciniglio che ha sostenuto questa campagna di sensibilizzazione con il personale sanitario e i volontari della Cri. Ben 75 persone si sono avvicinate al gazebo allestito per la misurazione gratuita della glicemia e dei valori pressori.

 

Riuscita la rassegna in castello con i filosofi - Giovedì l’ultimo incontro con Alessandro Peroni

 

Con quello di giovedì prossimo 24 novembre alle ore 21 nella sala del Castello Podestarile con Alessandro Peroni, si conclude felicemente il ciclo di incontri di filosofia dal titolo "Mondi possibili: utopia, libertà, immaginazione", curato dal gruppo di ricerca filosofica Chora e organizzato dal Cantiere Cultura. Le serate, introdotte dalla professoressa castelnovese Luigina Damiani, docente di filosofia al liceo "Galilei" di Voghera, hanno affrontato tematiche molto ampie attualizzate dai relatori, come il pensiero che si pone a confronto con la possibilità di mondi diversi da quello conosciuto attraverso l'esperienza del quotidiano, nel primo incontro di giovedì scorso con Matteo Canevari. Ieri sera è stata la volta di Alessandro Galvan che ha affrontato tutto ciò che può sviluppare "il coraggio della libertà" per concludere appunto giovedì prossimo con l'illustrazione di un mondo completamente diverso, se non addirittura "rovesciato" nell'incontro con Alessandro Peroni.

Helenio Pasquali

(Foto Luigi Bloise)

 

Iniziative & appuntamenti 

 

La biblioteca organizza come già avvenuto negli anni scorsi l’iniziativa “Facciamo l’albero insieme”. Sabato 26 novembre e poi il 3 e 4 dicembre dalle 15,30 alle 17 c’è la possibilità di realizzare gli addobbi per gli alberi di Natale per la piazza. Il laboratorio è gratuito e dedicato a tutti i bambini a partire dai 4 anni. Per iscrizioni tel.  0131 826754.